Eliana Michelazzo shock: sapeva la verità su Simone Coppi dopo solo 6 mesi

Eliana Michelazzo shock: sapeva la verità su Simone Coppi dopo solo 6 mesi

Spuntano nuove e scioccanti verità su Eliana Michelazzo, ex agente di Pamela Prati, e il marito virtuale Simone Coppi.


Eliana Michelazzo è ormai una habitué dei salotti televisivi. L’ex agente di Pamela Prati, implicata nel misterioso caso di Mark Caltagirone, si è esposta in prima persona, raccontando la sua versione dei fatti. Alcuni si erano ricreduti sul suo conto, sospettando che non fosse lei la mente dietro l’intera vicenda. Eppure Eliana ha mentito ancora e Fanpage lancia un’altra, sconvolgente, bomba sul suo conto.

Eliana Michelazzo, nuove verità: “Sapeva che il marito magistrato non esisteva”

La versione della Michelazzo, che dopo aver cercato di difendere la Prati, si è dovuta arrendere all’evidenza che non ci sarebbe stato più nulla di difendibile, è credibile. L’ex agente è stata, suo malgrado, implicata nella faccenda Caltagirone, dopo esser stata raggirata per ben dieci anni da tale Simone Coppi, il marito mai conosciuto che l’avrebbe spinta ad isolarsi e a tatuare in modo indelebile il suo nome sulla pelle.

Chi ha orchestrato il tutto? Secondo Eliana, tutto è riconducibile a Donna Pamela che ha creato un’intera genealogia di Coppi per raggirare soubrette e vip a scopo di lucro. La Perricciolo, la spietata mente criminale, si è sottoposta ad una lunga intervista e ha smentito tutte le illazioni dell’ex collega. La verità sul caso, probabilmente, continuerà a giacere nell’ombra ma, intanto, ‘Fanpage’, ha lanciato una nuova, scioccante notizia che potrebbe far luce sull’accaduto.

Due fonti molto vicine ai protagonisti di questa storia hanno raccontato a Fanpage.it la confessione della Michelazzo a Caroletti o alla moglie Eva Henger. L’ex agente di Pamela Prati sarebbe stata inizialmente agganciata dal finto Simone nel 2009. Avrebbe impiegato 6 mesi per rendersi conto che quell’uomo perfetto non è mai esistito. Furiosa per essere stata presa in giro, avrebbe dato le colpe del raggiro a Pamela Perricciolo, l’amica che nel frattempo era diventata sua socia. Per ragioni personali, però, avrebbe deciso di restare vicina alla donna, continuando a lavorare al suo fianco dietro la promessa che di successi personali ed economici sempre più importanti. Benché oggi accusi pubblicamente la Perricciolo, dunque, Eliana avrebbe sempre saputo che il marito magistrato non esisteva, come peraltro già dichiarato da Pamela nella sua intervista a Fanpage.it .

Dunque il sesso virtuale, il matrimonio con un fantasma, la scelta di estraniarsi dalla propria famiglia e, soprattutto, l’imbarazzo nel vedere colui che hanno spacciato per Simone per dieci anni, sono mosse strategiche di Eliana, per evitare che la verità venga a galla?

 





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto