Digitale terrestre, a che punto siamo

Digitale terrestre, a che punto siamo

I giornali hanno riportato di gente disperata, di pensionati pronti a telefonare all’esorcista per “sistemare l’apparecchio”, di genitori chiamati all’estrema…


I giornali hanno riportato di gente disperata, di pensionati pronti a telefonare all’esorcista per “sistemare l’apparecchio”, di genitori chiamati all’estrema ratio di portare i bambini a giocare all’aperto pur di non affrontare il dolente problema dello “switch off”.   Eppure, incredibile ma vero, l’Italia in fatto di digitale terrestre può perfino vantare dei primati.

Così dicono i dati del quarto rapporto sulla tv digitale terrestre in Italia ed Europa di DGTVi (il sodalizio di media che aderisce al digitale) presentati ieri a Milano nella quinta Conferenza Nazionale sul digitale terrestre.
L’Italia conquista il primato per ricchezza dell’offerta di canali gratuiti: 40, contro i 38 del regno Unito, i 19 della Spagna ed i 18  della Francia. Prima anche nei canali e pay (oltre 4 milioni e mezzo gli utenti, con Mediaset e Dalia Tv in prima fila)  nonchè per crescita degli investimenti pubblicitari (+123%) dato questo che fa meno bene allo spettatore. Inoltre sono diversi i canali free che si stanno avvicinando al 10 per cento di ascolti, soglia minima per renderli appetiti dalla pubblicità, che al momento si concentra prevalentemente sui canali a pagamento.

Tra due settimane, intanto, RaiDue e Rete4 passeranno definitivamente sul Dtt, mentre il 18 maggio switch off per Lombardia, Piemonte orientale e le province di Parma e Piacenza a cui si aggiungeranno entro l’anno il resto dell’Emilia Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia e Liguria. Con questi nuovi ingressi il 70%  degli italiani sarà “digitalizzato” (40 milioni).
Lo stesso percorso è in essere in altri paesi europei; solo la Spagna nelle settimane scorse ha completato la copertura; in Francia accadrà nell’autunno del 2011 mentre nel Regno Unito, così come in Italia, occorrerà aspettare al 2012.  E si calcola che fino ad allora

in Italia saranno venduti più di 12 milioni di set per il digitale oltre ai 12 milioni già venduti nei tre anni passati.





COMMENTI

    Lascia una risposta


    Vedi tutto