Com’è profondo il mare di Disfunzione Mediterranea

Com’è profondo il mare di Disfunzione Mediterranea

Il collettivo di designer PadiglioneItalia sbarca a Milano-Lambrate con la mostra “Disfunzione Mediterranea” alla scoperta di un mare di creatività


Il mare mediterraneo ha una nuove foce: Ventura-Lambrate il quartiere milanese del design internazionale. Infatti grazie al designer creativo Alessandro Zambelli e al collettivo di cui è membro, Padiglioneitalia, una serie di oggetti per il living e non, sono pronti a portare un po’ di salutare aria di mare nel pieno centro della Lombardia.

Obiettivo del progetto Levante e del collettivo è quello di cercare di creare l’oggetto definitivo che sappia rappresentare al meglio tutte le caratteristiche legate al nostro mare, il mare nostrum, il mediterraneo insomma. Uno dei tanti temi scelti e che andranno a comporre una mappa del design italiano in tutte le sue sfaccettature possibili. Punti di partenza: sughero e ceramica.

Tra gli altri progetti del collettivo figurano FOODMADE e TrattoriaItalia presentati al Fuorisalone dell’anno scorso e sempre rimanendo in tema acquatico, l’allestimento presente al Bologna Water Design 2013 con il suggestivo nome di Narciso.

La parola d’ordine è disfunzione, analizzata attraverso l’antropologia dei popoli circostanti il mediterraneo. Levante parte da un presupposto molto semplice, ovvero l’innata capacità di noi latini di rendere qualsiasi cosa, anche la più difficile e complicata, funzionale all’ambiente in cui dovrà trovarsi ed essere utilizzata. Piegare quindi le imposizioni di natura per arrivare al proprio scopo.
Non sembra poi così lontano il mare con oggetti simili in casa.





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto