Champions League: per Chelsea e Psg partenze a rilento

Champions League: per Chelsea e Psg partenze a rilento

Sorprese alla prima di Champions per Chelsea e Psg che non vanno oltre il pareggio contro Shalke e Ajax


Parte senza grandi squilli la Champions delle grandi d’Europa. Le favorite per la vittoria finale incappano in una serata no e se c’è chi, come il Barcellona e il Bayern, riesce a portare a casa comunque l’intera posta in palio, altri non riescono a superare i meno quotati rivali.

Come il Chelsea di Mourinho che non va oltre 1-1 nella sfida dello Stamford Bridge contro lo Shalke 04. I blues, partiti alla grande in Premier, frenano al cospetto dei tedeschi insolitamente ordinati in difesa. A Fabregas risponde Huntelaar, e complica leggermente il cammino degli inglesi. Stessa sorte e risultato per il Psg di Blanc che non riesce ad avere la meglio sui lancieri dell’Ajax. All’Amsterdam Arena si conclude con 1-1, Shone controbatte a Edinson Cavani.

Poco spettacolare la sfida del Camp Nou tra Barcellona e Apoel Nicosia. Gli spagnoli, imbottiti di giovani, non vanno oltre uno striminzito 1-0, nonostante i pronostici facessero pensare altro. Ci pensa Piquè a sbloccare il match nel primo tempo, staccando di testa su cross, da calcio piazzato, di Lionel Messi. Stesso risultato per il Bayern di Pep Guardiola che, però, aveva un match molto più complicato. Il Manchester City di Pellegrini entra in campo con una formazione molto quadrata che non lascia spazio alle folate di Robben e compagni. Ci pensa, allora, Boateng a sbloccare il match al novantesimo minuto.

Non ha problemi, invece, il Porto che schianta per 6-0 il Bate Borisov con la tripletta di Brahimi. Poco spettacolo, invece, tra Athletic Bilbabo-Shakhtar Donetsk e Maribor-Sporting Lisbona: entrambi i match si sono chiusi con un pareggio. (d.r.)





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto