Caprarica lascia la Rai e fa causa all’azienda per persecuzione

Caprarica lascia la Rai e fa causa all’azienda per persecuzione

L’inviato storico di Londra lascia la Rai con rammarico: ecco cosa è successo


Lo storico inviato della Rai a Londra lascia il suo lavoro: Antonio Caprarica fa sapere della sua decisione tramite un comunicato stampa al vetriolo in cui attacca il direttore generale Gubitosi e il consiglio di amministrazione. Anzi, addirittura minaccia denunce. Nel frattempo, il favorito Marco Varvello, attuale responsabile dell’Ufficio di corrispondenza di Berlino, è il favorito per sostituire Caprarica.

Non mi resta, con profonda amarezza, che sbattere la porta e andare dritto nelle aule dei tribunali‘, ha dichiarato il giornalista. Cosa sia successo di preciso non si sa; stando alla ricostruzione di Antonio Caprarica, in primavera l’azienda avrebbe cercato di ‘incentivarlo‘ all’esodo, a fronte di una potenzialità lavorativa di altri tre anni, da lui rifiutata.Allora – racconta ancora il giornalista – si sono inventati una lettera di addebito, datata 7 ottobre scorso, in cui mi costestano di non aver rispettato le regole burocratiche aziendali, come non aver chiesto il certificato antimafia, non avere una procura negoziale, e non aver seguito le procedure di gara europee per la selezione dei collaboratori’.

Caprarica parla addirittura di persecuzione: ‘Di fronte al mio rifiuto della proposta di andare via dall’azienda con un incentivo – spiega all’ANSA – ho ricevuto contestazioni risibili. Non avrei mai immaginato di lasciare in questo modo l’Azienda della mia vita, dopo oltre un quarto di secolo di servizio onorevole e immacolato in ogni angolo di mondo’.

Insomma, un brutto episodio per la Rai, che avrebbe il dovere di chiarire al più presto la sua posizione.





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto