Boris 4: Francesco Pannofino lascia aperto uno spiraglio

Boris 4: Francesco Pannofino lascia aperto uno spiraglio

René Ferretti, presentatore del Concerto del 1 maggio, Nero Wolfe e opinionista degli Europei 2012. Francesco Pannofino al Giffoni FIlm Festival parla anche di Boris.


Ok, partiamo dal presupposto che noi siamo di parte e che se fossimo dei veri giornalisti, quelli con la G maiuscola, avremmo dovuto scrivere un titolo incredibilmente falso “Boris 4 presto in tv”.

Boris 4 forse andrà in onda, forse no. Boris 4 è il sogno dei numerosi fan del telefilm cult che scimmiotta tutte le fiction all’italiana, quelle fiction con attori mediocri, sceneggiature inutili e ai limiti del reale e soprattutto con un gruppo di lavoro alle spalle decisamente bizzarro. Insomma, uno specchio fedele della televisione nostrana e probabilmente – a dirla tutta – lo specchio della nostra società. Ma questa è un’altra storia.

Il protagonista per eccellenza della serie tv, il regista Renè è interpretato da Francesco Pannofino – voce che conosciamo da anni e volto che negli ultimi tempi abbiamo imparato a vedere, osservare e apprezzare (ovviamente non tutti) – e proprio ieri lo stesso Pannofino durante un’intervista al Giffoni Film Festival ha parlato di Boris e di quanto lui sia legato alla serie tv trasmessa dalla Fox prima e su RaiTre in un secondo momento.

“Speriamo di farlo ancora, dipende dagli autori”

Insomma, Pannofino non chiude le porte e lascia aperto uno spiraglio. Lui a Boris è legato e probabilmente ha capito che il suo pubblico ha apprezzato la serie, talmente tanto da aver ottenuto ottimi risultati anche con la trasposizione cinematografica Boris – Il film.

E noi, incrociando le dita, ripetiamo come un mantra quel “Dai Dai Dai” che Renè Renato Ferretti ci ha insegnato durante le riprese di Occhi del Cuore.

 





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto