Belen Rodriguez ha problemi con la fama: odia l’assedio dei paparazzi

Belen Rodriguez ha problemi con la fama: odia l’assedio dei paparazzi

Nonostante ami il suo lavoro, la showgirl argentina preferirebbe mantenere privati diversi momenti delle sue giornate


Dichiarazioni che non ti aspetti escono dalla bocca di Belen Rodriguez, che attraverso le pagine di Tv Sorrisi e Canzoni ha parlato del figlio Santiago, ma anche del difficile rapporto con i paparazzi che la costringono a stare forzatamente giornate intere sotto gli occhi dei riflettori.

Distingue i momenti che lei sceglie autonomamente di rendere pubblici da quelli in cui viene costretta ad esporsi, riferendosi per il primo caso ai tanti selfie quotidiani che affollano i suoi profili social: Un conto è fare un selfie, un saluto per i fan, quando ne ho voglia e quando lo decido io, un altro essere assediata. È diverso”. Quando parla di assedio si riferisce ai paparazzi continuamente alla ricerca dello scatto migliore, che la seguono passo dopo passo senza mai lasciarla libera e che finiscono per invadere anche e soprattutto la sfera privata di ogni sua giornata:

“Ho un problema con la fama, mi piace il mio lavoro ma non amo ritrovarmi i paparazzi sotto casa o al supermercato. Sono gelosa dei miei momenti. Non è facile vivere 24 ore al giorno con gli occhi puntati”. Il prezzo della popolarità, verrebbe da pensare. Visibilità questa che le ha fatto ricevere anche proposte dalla patria Argentina ma che lei ha deliberatamente preferito declinare scegliendo di non andare oltre l’Italia. Parlando del figlio Santiago, nato dalla relazione con il ballerino Stefano De Martino, afferma di voler essere il più possibile presente nella sua vita, tanto da decidere di portarselo dietro quando è costretta a stare via per più di un giorno.

Una fatica che non aveva previsto, o meglio, che aveva sottovalutato prima della nascita, ma che non l’ha de stabilizzata e l’ha spinta ad essere più reattiva che in passato: “Me ne occupo io e cerco di non viziarlo, in generale passo più tempo possibile con lui. E’ più impegnativo di quanto pensassi. Prima c’ero solo io: adesso continuo a fare tutto, ma in modalità turbo, perché mi sento in colpa se non sto con lui”.





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto