Ash Vs Evil Dead, l’appeal dell’horror anni ’80 arriva in tv

Ash Vs Evil Dead, l’appeal dell’horror anni ’80 arriva in tv

Ha debuttato in America nella notte di Halloween l’attesissima serie tv di Sam Raimi. Fra colpi di genio, battute al fulmicotone e sangue a volontà, Ash Vs Evil Dead è a tutti gli effetti la serie cult dell’anno.


È bastato un solo episodio per rimanere del tutto folgorati da Ash Vs Evil Dead. La serie trasmessa sul network americano della Starz dal 31 ottobre e sviluppata dal celebre regista Sam Raimi, conferma tutte le buoni intenzioni che trasparivano sia dal tralier che dai svariati sneak peek diffusi in rete. In un tripudio di sangue e battute al fulmicotone, il franchise horror più celebre degli anni ’80, La Casa, rivive in questa serie tv dal grande respiro che, nella sua convenzionalità, riesce non solo ad adattarsi ai moderni meccanismi televisivi ma soprattutto riesce celebrare un modo di fare il cinema che, con il tempo, è andato perso.

Realizzare quindi questa serie tv è un atto quasi dovuto per rendere giustizia ad uno di quei marchi che il tempo non ha per nulla offuscato. Sequel diretto de l’Armata delle Tenebre, ritroviamo dopo più di venti anni e qualche kilo in più, il buon Ash (Bruce Campbell) ancora alle prese con i demoni liberati dal Necronomicon. Il Male che pareva essere sopito in eterno è stato risvegliato accidentalmente ed ora i demoni, che l’uomo per anni ha combattuto, si sono risvegliati e vogliono concludere ciò che hanno lasciato in sospeso. Non sanno però che Ash è più agguerrito che mai ed, aiutato da una coppia di giovani, combatterà fino allo stremo pur di debellare il male che flagella la nostra modernità.

Nessuno si aspettava che la release finale di Ash Vs Evil Dead potesse essere così invitante ma, in realtà, la serie vince per diritto una scommessa creduta persa in partenza. Il regista non che creatore della serie stessa, è stato capace di realizzare un prodotto sui generis ma dal grande appeal, divertente ma non comico, sanguinolento ma non ridicolo, trash ma non fuori moda: in poche parole Sam Raimi ha preso tutto il meglio dalla trilogia di film da lui stesso realizzati, arrivando a concepire il cult indiscusso del 2015. E nonostante sono passati più di 20 anni dall’ultima volta che il regista ha messo mano ai personaggi de La Casa, per il loro il tempo è rimasto quasi cristallizzato, fermo in un limbo in attesa di essere risvegliati e tornare in azione con una forza tutta nuova. La serie convince quindi non solo per quella sua atmosfera retrò, per quelle battute volgarotte ma d’impatto e per quei effetti speciali molto ‘old fashion’, ma risulta essere un cult (appunto) per aver reso commestibile a tutti un prodotto che solitamente non piace allo spettatore medio. Raimi infatti realizza una serie horror con un grande background culturale e stilistico alle spalle, che non dimentica la sua poetica, ma soprattutto non dimentica di rivolgere uno sguardo al pubblico che, ultimamente, è in cerca di un qualcosa di frizzante e che intrattenga piacevolmente.

Nessun substrato politico o culturale in Ash Vs Evil Dead, solo tanta voglia di ridere e far divertire con gusto ma soprattutto guardare al passato con nostalgia, ad un tempo dove tutti ‘vivevamo un po’ meglio’ e che proprio grazie a serie del genere, sensazioni e pensieri persi negli anni ritornano alla mente più forti che mai.
La serie ha già ricevuto il rinnovo per una seconda stagione.

Ash vs Evil Dead | Official Trailer

https://www.youtube.com/watch?v=unnLg1TPCYM

 

 

Le novità che non smettono mai di arrivare. #TheFlash2

Posted by Serie Tv Imperdibili on Lunedì 2 novembre 2015

Carlo Lanna





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto