Ascanio Celestini di scena al MAXXI

Ascanio Celestini di scena al MAXXI

ROMA – “Voglio raccontare la contemporaneità attraverso le storie degli umili”. Così Ascanio Celestini una delle voci più note del teatro…


ROMA – “Voglio raccontare la contemporaneità attraverso le storie degli umili”. Così Ascanio Celestini una delle voci più note del teatro della narrazione in Italia, vuole affrontare giovedì 20 ottobre alle 20.15, al MAXXI, il suo appuntamento con la rassegna ContemporaneaMente, il ciclo di incontri con i protagonisti del nostro tempo che raccontano la loro “contemporaneità”.

Discorrendo con Piero Dorfles, giornalista e critico letterario, Celestini riprende il discorso, mai interrotto, sulle storie degli emarginati, di coloro che “non hanno potere”. Dice Ascanio Celestini: “Lavoro sui meccanismi del ricordo per fare in modo che la memoria diventi racconto. Non la memoria storica ma quella dell’individuo, dei singoli, degli umili”.

Reduce dal successo della prima del suo spettacolo “Pro Patria”, sul tema della giustizia e delle prigioni, Celestini insiste nel voler attirare l’attenzione del pubblico sui luoghi della coercizione e della spersonalizzazione come la fabbrica, il manicomio, il carcere. La denuncia, dunque, come momento teatrale ma anche come indispensabile riflessione sul nostro mondo contemporaneo.

Tutte le informazioni su  www.fondazionemaxxi.it





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto