Anticipazioni Spagnole Una Vita: Leonor torna ad Acacias accompagnata da Habiba

Anticipazioni Spagnole Una Vita: Leonor torna ad Acacias accompagnata da Habiba

Leonor, creduta da tutti morta, torna a Puente Viejo insieme a una misteriosa donna di colore…


Le Anticipazioni spagnole di Una Vita raccontano di un’altra vicenda che coinvolgerà gli abitanti di Puente Viejo e che presto sbarcherà in Italia: tra i protagonisti ci saranno Leonor Hidalgo Pablo Blasco.

Negli episodi italiani abbiamo visto Felipe chiedere l’indulto per Pablo, accusato della morte di Guadalupe e presto il giovane farà ritorno ad Acacias ma insieme a lui non ci sarà la moglie Leonor. Questa assenza farà letteralmente infuriare Rosina, che non condivide la scelta del genero di allontanarsi dalla figlia nel suo viaggio verso il porto di Malaga. La vicenda si tingerà di giallo quando alcuni oggetti appartenenti a Leonor verranno trovati nei pressi di Cordova e si temerà il peggio. Si parlerà addirittura di un possibile omicidio. Il corpo però non verrà ritrovato, facendo sperare che la donna sia viva, per la gioia di Pablo che mai sarà disposto ad arrendersi per ritrovarla.

Il giovane infatti cercherà in tutti i modi di rintracciare la moglie, aiutato dall’amico Victor Ferrero Di Leonor però nessuna traccia sino a quando il giorno della veglia di preghiera organizzata per lei, non comparirà all’improvviso. Insieme a lei c’è una donna africana, Habiba, che presenterà come la sua salvatrice ma nessun’altro dettaglio. Leonor è però molto strana, fredda e distaccata persino con sua madre e con la sua cara amica Casilda.

Leonor verrà a conoscenza del matrimonio tra sua madre e Liberto ma anche in questo caso non ci sarà nessuna reazione. Tornata a casa si rifiuterà di dividere il letto con il marito Pablo, preferendo dormire nella camera degli ospiti con Habiba. Dopo una lunga notte tormentata, soprattutto per Pablo roso dai sensi di colpa, la Hidalgo deciderà di raccontare tutta la verità. Dopo l’assalto alla diligenza che la stava conducendo verso Malaga, è salita senza documenti, senza soldi e di nascosto in una nave con rotta verso l’Africa. Dopo essere stata beccata dalla guardia civile e arrestata, si è imbarcata per sbaglio su una nave diretta all’isola di Ferando Poo, dove è stata trattata come schiava. Un lungo periodo di sofferenza, conclusosi solo con l’annuncio sui giornali pubblicato da Rosina, che ha confermato la sua identità e che l’ha resa libera.

 





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto