Anticipazioni Il Segreto giovedì 13 luglio 2017: la comunità di Puente Viejo sconvolta dal colpo di stato

Anticipazioni Il Segreto giovedì 13 luglio 2017: la comunità di Puente Viejo sconvolta dal colpo di stato

Il golpe militare costringe Alfonso a rientrare da Murcia senza essere riuscito ad identificare il cadavere che si sospetta sia di Mariana.


Nella puntata della soap Il Segreto in onda oggi, giovedì 13 luglio 2017 alle ore 15.30 su Canale 5, vedremo quali saranno le conseguenze del golpe militare ad opera del Capitano Generale Miguel Primo de Rivera del settembre 1923 nella piccola comunità di Puente Viejo.

L’occupazione militare costringerà Alfonso a fare rientro da Murcia senza aver visto il cadavere che si sospetta appartenga alla povera Mariana.

Emilia organizza una riunione con la sua famiglia e i Dos Casas, senza comunicare ai partecipanti il motivo per cui li ha voluti riunire. Hernando confessa a Matias di nutrire alcuni dubbi riguardo Elias Mato. Il chimico – da poco arrestato dalla Guardia Civile – si è infatti macchiato di terribili crimini ben prima del suo arrivo a Puente Viejo.

Intanto nell’atelier di Gracia, Onesimo resta sbigottito dopo aver visto il quadro acquistato da Hipolito. Il dipinto infatti appare come un autentico capolavoro di inestimabile valore. Lucas riceve una chiamata sospetta all’emporio, destando la preoccupazione di Sol, che pensa si tratti di un problema riguardante il piccolo Marcos.

Scopri le anticipazioni de Il Segreto da lunedì 10 a venerdì 14 luglio 2017.





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto