Anticipazioni Il Segreto 21 febbraio 2018: Cristobal arrestato

Anticipazioni Il Segreto 21 febbraio 2018: Cristobal arrestato

La Guardia Civile arresta il Garrigues, condotto poi alla Villa per volere di Francisca.


La puntata de Il Segreto in onda oggi mercoledì 21 febbraio 2018 alle ore 16:30 su Canale 5 vedrà Cristobal cadere finalmente nelle mani della Guardia Civile. Attenzione però, assisteremo a risvolti inattesi… Intanto un uomo disperato per la delicata situazione della sua azienda scende a patti con la criminalità. Scopriamo insieme cosa rivelano le anticipazioni:

Alla battuta d’asta organizzata da Donna Francisca per vendere tutti i beni di Miel Amarga, il Garrigues ha seminato il panico. L’ex intendente è piombato brandendo in mano una pistola e con fare minaccioso ha dato all’assemblea una sconvolgente comunicazione: sotto la sedia di uno dei presenti ha collocato un ordigno pronto a esplodere al minimo movimento. L’intuito di Raimundo ha però prontamente individuato il malcapitato: la bomba era posta proprio sotto i piedi della Montenegro.

Abitanti del paese e forestieri sono stati subito allontanati dal salone e Saul – un ambulante appena arrivato a Puente Viejo in compagnia del fratello Prudencio per affari – è riuscito a mettere in salvo la vita della Dark Lady rischiando di morire. Sia lui che il compagno di viaggio sono però rimasti feriti a causa della forte deflagrazione.  Nell’episodio di oggi Garrigues viene finalmente arrestato ma, anziché in prigione, condotto alla Villa su disposizioni di Francisca. Severo e Carmelo, intanto, dopo aver appreso la notizia non riescono a capacitarsi: la loro dimora è distrutta.

Hernando tenta di risollevare le sorti di Los Manantiales, e per farlo è pronto a tutto anche ad accettare le gravosi condizioni avanzate dall’usuraio. Nel frattempo Dionisia, zia di Belen, giunge nella tenuta per riprendere la piccola, alla quale tutti ormai sono affezionati, e in casa è presente anche Nicolas.

Scopri le anticipazioni de Il Segreto da lunedì 19 a venerdì 24 febbraio 2018.





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto