Anna Karenina: parla Vittoria Puccini

Anna Karenina: parla Vittoria Puccini

È la protagonista del romanzo di Tolstoj


Vittoria Puccini è Anna Karenina, la protagonista dell’omonima serie tv che va in onda su Raiuno questa sera e che sta avendo un grande successo.
L’attrice interpreta il romanzo di Tolstoj in una miniserie di due episodi, che rappresenta in chiave moderna la società russa dell’ottocento.
La fiction racconta di una delle più grandi storie d’amore di sempre che Tolstoj scrisse il romanzo dopo il capolavoro Guerra e Pace; lo scrittore abbandonò Anna, che alla fine del libro morì schiacciata sotto un treno.
La serie dà un’interpretazione meno drammatica e più concorde al pubblico che questa sera potrà vedere la puntata finale.

Dalla casa di produzione fanno sapere che alcuni comportamenti della società russa dell’epoca sono stati resi più attuali e più idonei al pubblico televisivo.
Vittoria Puccini dice in merito: “La Karenina è una signora dell’alta società russa che si interroga su come sia possibile per lei essere felice, ma non riesce a trovare la strada e alla fine viene assalita dalla gelosia, dalla depressione e dai sensi di colpa che la portano verso il suo crudele destino”.

Insieme a Vittoria, partecipano alla fiction anche Santiago Cabrera nel ruolo di Vronskij, Benjamin Sadler, Carlotta Natoli, Pietro Sermonti, Lea Bosco, Sydney Rome, Angela Molina nel ruolo della contessa Vronskaja.

Il regista della serie, Christian Duguay dice: “Anna Karenina è probabilmente il romanzo più sfruttato da piccolo e grande schermo. Se ne contano decine di versioni, da quella del 1910, la prima in assoluto, a quella con Keira Knightley e Jude Law diretti da Joe Wright del 2012. Eppure non c’è ancora una versione che si imponga come la definitiva, a dimostrazione che il romanzo di Tolstoj è una vera miniera di emozioni tanto feconda quanto difficile da restituire in tutta la sua ricchezza”.

Per realizzare le due puntate sono state utilizzate 2000 comparse, 100 cavalli, 30 carrozze, 50 location differenti, 1200 costumi, 7 tonnellate di neve finta per 8 settimane di lavoro intenso in un inverno molto freddo.
Vittoria ha aggiunto: “Spesso abbiamo girato anche a 15 gradi sotto zero”. (s.z.)





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto