Amici 17: la punizione proposta da Maria De Filippi viene accolta da Virginia Raggi

Amici 17: la punizione proposta da Maria De Filippi viene accolta da Virginia Raggi

I ragazzi hanno trasgredito al regolamento. Per punizione dovranno pulire le strade di Roma.


Nel corso dell’ultimo speciale di Amici, andato in onda sabato 13 gennaio 2018, Maria De Filippi ha deciso di punire i ragazzi che continuano a violare le regole della scuola, convincendoli a pulire le strade di Roma.

amici_classe

Nell’ultima puntata di Amici, Maria interrompe sfide, felpe ed esibizioni per fare un annuncio molto importante. A causa del loro comportamento, Filippo, Vittorio, Nicolas e Biondo sono stati espulsi dalla scuola e sono stati invitati a togliersi la maglia del programma. La produzione, però ha voluto punire l’intera classe colpevole di aver violato il regolamento: “Di fronte ad alcuni accadimenti avvenuti nel residence dove alloggiano i ragazzi di “Amici”, riassumibili sostanzialmente nel reiterato non rispetto del regolamento da loro sottoscritto in sede di accesso alla scuola, la produzione decide di adottare un provvedimento “socialmente utile”: i ragazzi si mettono a disposizione del Comune di Roma per aiutare a ripulire, notte tempo, le strade della Capitale.”

amici_espulsi

Il provvedimento incontra più tardi anche il favore della sindaca Virginia Raggi, che approva il progetto proposto dalla conduttrice: “Maria De Filippi ha avuto una buona idea! Aspettiamo volentieri i ragazzi di Amici: questa città, dopo anni di incuria e abbandono, ha bisogno anche di ragazzi volenterosi che diano il buon esempio! Gli ‘amici’ di Maria potranno aiutarci a raccogliere i sacchi della raccolta differenziata e ad informare i cittadini sul nostro progetto di raccolta porta a porta che abbiamo avviato in alcuni quartieri e che a breve sarà esteso a 500 mila cittadini. Siamo certi che sarà un’esperienza anche molto istruttiva”.

Intanto i quattro ragazzi espulsi dovranno sostenere un duro esame di riammissione e dimostrare di meritare il banco nella scuola.





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto