Amici 13 – Grazia Di Michele contro Debora Iurato

Amici 13 – Grazia Di Michele contro Debora Iurato

Sabato scorso è andata in onda la quarta puntata di Amici 13 il programma di Canale 5 condotto da Maria De Filippi e sono state numerose le polemiche all’interno della trasmissione.


La polemica che continua a fare scalpore e alimentare numerosi rumor è quella tra la professoressa Grazia Di Michele e l’aspirante cantante per il serale di Amici 14, Debora Iurato. 

Sono state numerose le polemiche per la maglia nera assegnata all’allieva e per le parole ‘fisicità non felice’ o ‘deambulare per buttare l’immondizia’ usate da Grazia Di Michele ma la professoressa in un’intervista a TvBlog ha voluto spiegare meglio l’accaduto.

L’insegnate ha spiegato che il “buttare l’immondizia” non riguardava nello specifico Debora ma che era un esempio per spiegare che quando ci si esibisce su un palco si deve sapere essere espressivi e comunicativi.

Lei sicuramente non è alta, io non ho riportato le sue parole testuali ma ho detto che la sua fisicità non è felice.

Grazia Di Michele ha poi aggiunto che se uno non sta bene bene con se stesso, non si piace e non si accetta crea una condizione in cui si sente che c’è qualcosa che non quadra.

Il fatto che lei non sia alta e che sia un pochino robusta è sotto gli occhi di tutti. Lei ha detto ‘ho un culo come una casa’, non me lo sono inventata io’. Lei non ci sta bene, ma in puntata ho fatto esempi di persone con una fisicità robusta che se la vivono bene e senza disagio. Ho sempre detto che le nere che cantano gospel e che sono un po’ cicciotte hanno un balance nei movimenti elegante, sono belle da vedere.

La maglia nera non è stata data quindi perché la ragazza non è magrissima, ma perché le sue insicurezze fisiche si sono ripercosse sulla perfomance nella pista da ballo di Amici. 

La puntata di sabato è terminata con un “rimani nella scuola” per Debora Iurato ma per Grazia Di Michele non è stata una chiusura buonista per smorzare le polemiche anzi, l’insegnante sapeva già dall’inizio che quello non era un esame che potesse andare in una direzione e che questo non è un problema che risolvi in dieci minuti.

La professoressa ha poi aggiunto: “Io le do degli input sui quali penso possa lavorare. La maglia nera non è una condanna, ma è per segnalare un aspetto che va messo a fuoco. L’importante è che Deborah abbia colto degli stimoli e che abbia capito che non è un problema contro il suo fisico e che impari ad accettarlo oppure lo cambi, perché no? Viviamo in un’epoca in cui se uno non si piace può fare la cura dimagrante… a parte che lei non è una balena, non stiamo parlando del fatto che lei sia grassa, ma che si muove male. (…) Peraltro lei ha una voce importante ed è un peccato che lei pensi che sia sufficiente. Secondo me la comunicazione espressiva, gestuale è importante. “

Nell’intervista è stato chiesto a Grazia Di Michele se si aspettava anche una presa di posizione così netta da parte della conduttrice Maria De Filippi ma su questo non ha espresso un reale giudizio ani, ha affermato che Maria De Filippi è una persona che dice quello che pensa anche se non è d’accordo lo dice ma con i suoi modi.

“Quando ho detto che c’è una triangolazione strana in questa storia è perché c’è una ragazza che ha un disagio, ci sono io che colgo il disagio e Maria che non lo vede. Lei dice di vederla bella quando si muove; non ha detto una balla, la vede così”.

Quindi quello che è successo nella puntata di sabato, potrà ripetersi ancora ma lo si scoprirà a gennaio quando Amici di Maria De Filippi riprenderà dopo lo stop televisivo dovuto alle vacanze natalizie. (s.s)





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto