Agripizza, arriva a Ferragosto la “pizza” dell’agriturismo

Agripizza, arriva a Ferragosto la “pizza” dell’agriturismo

Agriturismo sempre più di moda. Quest’anno nella bergamasca arriva anche l’agripizza, una “focacciona” a chilometri zero


La Coldiretti – ogni tanto esce con dati che diamo per buoni – stima che saranno oltre 250 mila coloro che hanno già scelto di trascorrere il ferragosto in agriturismo.

Piatti regionali che ridiventano d’attualità e che non mancheranno di far gola ai tanti che hanno scelto questa soluzione ferragostana. Ma poi, l’agriturismo è anche un modo per cogliere le offerte di programmi ricreativi come l’equitazione, il tiro con l’arco, il trekking eccetera eccetera altrimenti improponibili. Insomma aria sana,. cibo genuino, relax e un pizzico di divertimento. Ricetta che non manca mai di attirare numerosi estimatori.

E in più – come riferisce l’Ansa – la novità dell’anno è la prima “agripizza” a chilometri zero che sarà servita domani sera all’agriturismo la Fattoria del Betel a Chiuduno nella bergamasca. Per farla gustare sono stati coltivati in azienda il frumento da cui è stata ricavata la farina macinata a pietra utilizzata per l’impasto, i pomodori per una passata che segue la tradizionale ricetta contadina. Le agripizze sono poi condite con altri prodotti che provengono dall’ allevamento aziendale e dall’ orto, come ad esempio i caprini, i salumi e le verdure. Insomma 5 o 6 tipi di “pizza”, tutti originali ed espressione delle tradizioni agricole e gastronomiche locali. (gm)





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto