Jailbreak iOS 7: premio in denaro, la comunità hacker insorge

Jailbreak iOS 7: premio in denaro, la comunità hacker insorge

Converse Labs istituisce un premio in denaro per accelerare la release del Jailbreak untethered di iOS 7, ma la comunità hacker insorge e manifesta il proprio dissenso per bocca di Jay Freeman


La scorsa settimana la notizia dell’istituzione di un premio in denaro per il completamento del Jailbreak untethered di iOS 7 ha destato scalpore nella comunità di appassionati di jailbreaking: Chris Maury, fondatore di Converse Lab e promotore dell’iniziativa, ha avviato infatti una raccolta fondi destinata a premiare chiunque riesca a rilasciare per primo un Jailbreak funzionante, violando così uno dei principi fondamentali dell’etica hacker.

“Crediamo fortemente che gli utenti debbano avere la libertà di controllare come meglio credono i loro dispositivi. Vogliamo quindi un jailbreak open source per iOS 7, in modo di dare la possibilità di installare quello che vogliono sui propri dispositivi e di controllare il codice che stanno usando per farlo. Riteniamo inoltre che il jailbreaking sia fondamentale per garantire ai disabili un più facile uso dei loro dispositivi. Per questo motivo nasce la raccolta fondi”.

Il premio messo in palio da Maury ha trovato molti sostenitori e alcune aziende del settore, iFixit su tutte, hanno deciso di contribuire direttamente alla causa con laute donazioni e, ad oggi, il “fondo jailbreak” ha raggiunto la ragguardevole cifra di 8.000$.

La comunità hacker però è insorta e per bocca di Jay Freeman, storico coder di Cydia, ha manifestato chiaramente il proprio dissenso: se volete saperne di più, abbiamo trattato l’argomento in questo articolo.

Per il momento gli evad3rs tacciono e non è dato sapere se e come il premio istituito da Maury influirà sulla release di Evasi0n per iOS 7. In attesa di ulteriori novità, il consiglio è quello di monitorare con attenzione il profilo Twitter ufficiale della crew.

(St.S.)





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto