Italia un colabrodo di informazioni su internet lo denuncia il Garante per la Privacy

Italia un colabrodo di informazioni su internet lo denuncia il Garante per la Privacy

Un buco nero capace di raccogliere informazioni dai social network, dalle telefonate, sms e e-mail.


L’Italia delle comunicazioni è un enorme colabrodo di informazioni e di dati che vengono catturati attraverso il port mirroring, letteralmente un semplice copia incolla. A svelare questo stato di cose è direttamente il Garante per la Privacy attraverso un dossier, a questo punto da chiedersi quanto segreto, agli organi governativi. La relazione è stata stilata a seguito dello scandalo Datagate, scoppiato nel 2013, dagli esperti informatici a disposizione del Garante.

Sotto accusa gli Internet eXchange Point, vale a dire tecnicamente gli IXP, che altri non sono che degli impianti dove convergono tutti i dati immessi e poi distribuiti in rete. Gli italiani, fonte primaria delle informazioni, inseriscono dati che poi passano attraverso queste strutture per essere convogliate nella rete. Un groviglio di cavi che permette all’utente di navigare e scambiare informazioni ma che consente anche a chi lo vuole, a quanto pare, di immagazzinare un quantitativo esorbitante di informazioni. Ad essere segnalati come navicelle di dati sono i social network su tutti e a seguire le stesse telefonate, gli sms, e mail e chat. In Italia di IXP ne sono dislocati nove su tutto il territorio, ma i più imponenti in fatto di traffico si trovano a Milano, Torino e Roma.

E’ anche sulla struttura fisica dove alloggiano queste cosiddette macchine sembra ci sia molto da dire. Nessuna sicurezza, alcuna vigilanza. Pare che chiunque vi possa accedere senza nemmeno possedere le chiavi per aprire una porta. E non ci riferiamo a quelle elettroniche dove almeno li necessita una password. Così mentre in America tutto viene gestito da una Intelligence, in Italia dev’essere il Garante per la Privacy ancora una volta a segnalare al Governo Italiano un così distruttivo allarme. Privati, aziende e organi istituzionali senza segreti per chi intendesse scavare a fondo nel colabrodo delle comunicazioni italiane.

 

Francesco Serviente





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto