Trapattoni, addio all’Irlanda

Trapattoni, addio all’Irlanda

Dopo 5 anni dice addio alla Nazionale del trifoglio: “Ma non lascio il calcio, voglio continuare ad allenare”


Dopo 5 anni di alti ma – purtroppo – soprattutto bassi, dati dalla poca qualità dei suoi giocatori più che dalle colpe del tecnico, il vecchio “Giuan” lascia la guida della nazionale Irlandese all’indomani della sconfitta, l’ennesima, contro l’Austria.

Un addio che era nell’aria da parecchio tempo, in Irlanda già da mesi storcevano il naso per colpa situazione della nazionale, fuori dai giochi per la qualificazione a Brasile 2014 da parecchio.

“Ci siamo lasciati consensualmente con grande fair play” ha dichiarato il vecchio allenatore di Cusano Milanino “Ora guardo ad altre possibili panchine senza alcuna preclusione”” ha continuato chiarendo che lui con il calcio non ha assolutamente chiuso.

Alla tenera età di 74 anni il Trap vuole ancora mettersi in gioco, si parla per lui della panchina della nazionale Libica.

Il ringraziamento da parte della FAI (la federcalcio Irlandese) si estende anche al suo staff composto, tra gli altri, da Franco Rossi e dal campione del mondo Marco Tardelli.

Torna quindi sul mercato un vecchio leone del calcio, uno degli ultimi esponenti dell’italianissima filosofia del “primo non prenderle” che tanto gli ha portato fortuna, facendogli vincere alla guida di Juve, Inter, Bayern Monaco, Benfica e Red Bull Salisburgo ben 4 campionati diversi, ma che nel 2013 pare essere oramai sorpassata ed entrata di diritto nella storia che ha reso grande il calcio.

(r.m.)

 





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto