Mondiali 2014 – Finale Germania Argentina 13 luglio, 24 anni dopo Italia 90 l’eterna sfida si ripete

Mondiali 2014 – Finale Germania Argentina 13 luglio, 24 anni dopo Italia 90 l’eterna sfida si ripete

La finale dei Mondiali Brasile 2014 si giocherà questa domenica 13 luglio allo stadio Maracana, tra Argentina e Germania a 24 anni esatti dalla finale di Italia 90


Mondiali 2014 – La finale sarà Germania Argentina. Ci siamo, questa domenica 13 luglio alle ore 21 italiane -non alle 22 come solito- dallo stadio Maracana si giocherà la finale tra l’Argentina di Sabella e Messi e la Germania di Loew e Muller. Si tratta della terza volta che queste due nazioni si incontrano per l’assegnazione del titolo. Le ultime due volte sono state le finali di Italia 90, vinta 1-0 dai tedeschi e quella di 4 anni prima, nel 1986 in Messico con la vittoria dell’Argentina 3-2. Queste due nazionali non vincono il campionato del mondo proprio da quelle due edizioni. Riusciranno Messi e Klose a emulare i propri idoli, Maradona e Klinsmann?

Calcio di inizio alle 21 allo stadio Maracana di Rio De Janeiro e partita trasmessa in diretta su Rai 1 HD per quanto riguardo le trasmissioni in chiaro e su Sky Mondiale 1 HD per la piattaforma a pagamento. Disponibile anche in streaming tramite Rai.tv o SkyGo, gratis per gli abbonati e SkyOnline, pagando il singolo evento.

Il percorso della Germania fino alla finale. Le Germania ha iniziato il suo Mondiale nel girone composto da Portogallo, Stati Uniti e Ghana. Nella partita di esordio contro il Portogallo di Cristiano Ronaldo hanno subito dato prova della propria incredibile potenza offensiva, vincendo 4-0 e liquidando gli avversari in pochi minuti. Nella seconda gara hanno faticato non poco contro il Ghana, pareggiando 2-2 dopo essere passati addirittura in svantaggio. L’ultima partita del girone era contro gli Stati Uniti di Klinsmann. Entrambe le squadre erano a un passo dalla qualificazione e sarebbe bastato un pareggio-biscotto per fare felici entrambe, ma i tedeschi si sono imposti 1-0 ottenendo 7 punti e il primo posto nel girone.

Nella fase ad eliminazione diretta hanno affrontato l’Algeria agli ottavi, sorpresa del girone H. Dopo 90 minuti in cui l’Algeria si è difesa come ha meglio potuto, i tedeschi hanno chiuso la gara ai supplementari segnando 2 reti in pochi minuti nel secondo tempo. Vana la rete finale degli algerini. Ai quarti l’avversaria era la storica nemica Francia. Partita molto brutta ma decisa da una inzuccata al volo su corner di Hummels. E così sono arrivati ai semifinali dove li attendeva il Brasile padrone di casa privo di Thiago Silva e Neymar. E’ stato un massacro, una goleada finita 7-1. Imprevedibile alla vigilia ma abbastanza prevedibile una Germania in finale.

E’ stato il mondiale di Klose che con due reti ha superato il record di gol ai mondiali di Ronaldo, fermo a 15. E’ stato il mondiale di Neuer, il portiere volante che non vuole mai stare in porta ma che quando lo fa riesce a parare di tutto. E’ stato infine il mondiale di Muller, vero trascinatore e super star dei suoi. Per la Germania è la quarta volta che finisce tra le prime 4, ma non riesce a vincere il campionato del mondo da 24 lunghi anni, proprio contro l’Argentina.

Il percorso dell’Argentina fino alla finale. La albiceleste era nel girone eliminatorio F insieme a Nigeria, Bosnia Erzegovina e Iran, facile dalle premesse. La partita d’esordio è stata giocata contro la Bosnia e vinta 2-1 grazie a una rete di Lionel Messi. La seconda era contro l’Iran con cui l’Argentina ha faticato più del dovuto ma l’ha alla fine scampata con un 1-0. Infine è stato il turno della Nigeria, seconda nel girone, battuta 3-2 con una super punizione a giro sempre di Messi.

Agli ottavi gli argentini hanno trovato la Svizzera e per vincere hanno dovuto sudare le proverbiali sette camicie. 9o minuti non sono stati necessari e allora ecco ancora una volta i supplementari dove un goal di Di Maria è stato decisivo. Grande fortuna però nel finale quando Dzemaili al 120esimo ha preso un palo di testa e sulla ribattuta la palla è rotolata contro il suo ginocchio e poi fuori. Ai quarti è stato il turno di un altra europea, il Belgio, e un altra maratona. Higuain è l’eroe di giornata, suo il gol dell’1-0 finale, oltre ad aver preso una traversa e servito ottimi assist agli avversari. Infine la semifinale contro l’Olanda. Al termine di una gara veramente brutta sono stati i rigori a sancire l’accesso alla finalissima dell’Argentina grazie ai rigori parati da Romero, che due anni fa giocava in serie C italiana.

L’Argentina è riuscita nell’impresa. Dopo tante edizioni concluse prematuramente quest’anno torna in finale e lo fa davanti al pubblico sudamericano. Riesce dove il Brasile ha fallito, schiacciato dalla pressione, ma svanisce il sogno di una finale contro i rivali storici. Lionel Messi arriva in finale e zittisce i tanti haters, adesso è davvero a un passo dall’essere il nuovo Maradona. Questa è la quinta finale per l’albiceleste e per ora ne ha vinte due e perse due.

Luca Fallati





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto