Mario Balotelli al Milan e le regole militari: “Obbedisco, ora sono un uomo”

Mario Balotelli al Milan e le regole militari: “Obbedisco, ora sono un uomo”

Mario Balotelli sembra mostrare una certa maturità nell’accettare le regole comportamentali che la società rossonera gli ha imposto per il suo ritorno in Serie A


Sembra mostrare una certa maturità Mario Balotelli ora che il ritorno al Milan è ormai cosa fatta. Di certo sui suoi comportamenti e i suoi look, che spesso hanno fatto parlare mezzo mondo, sono ora influenzati dalla recente morte del padre e dal fatto di essere ormai un papà (quasi) a tempo pieno. Ricordiamo infatti che Balotelli è il padre della piccola Pia, la bimba avuta con la showgirl campana Raffaella Fico e che ora, giocando in Italia, potrà sicuramente vedere più spesso. Per il ritorno al club rossonero, però, sia l’allenatore Sinisa Mihajilovic che la dirigenza del Milan hanno imposto al giocatore un codice comportamentale, ispirato a quello dell’aeronautica militare, molto rigido e che se non verrà rispettato comporterà tutta una serie di pesanti sanzioni.

Intervistato da Premium Sport ai microfoni di Carlo Pellegatti, Balotelli ha detto: “Ringrazio Sinisa che mi ha voluto, il presidente che mi ha dato fiducia, e non me l’aspettavo, e Galliani. Si sono fidati dell’uomo Balotelli più che del Balotelli giocatore, perché quello lo conoscete tutti”.

Il calciatore ha poi aggiunto: “Spero di aiutare il Milan e sogno la Nazionale: alla maglia azzurra tengo e tornarci sarebbe anche un regalo per mio padre. Lui ci teneva e so che stava male sapendo che non ero più nel giro.”

Balotelli dovrà stare lontano da discoteche e notti folli fino a tarda notte, non dovrà usare i social per diffondere immagini dello spogliatoio o ledere in qualche modo l’immagine della società rossonera e dovrà condurre una vita da atleta presentandosi a tutti gli allenamenti e mai in ritardo. Riuscirà Balo a mettere la testa a posto? Noi crediamo di sì!

Simona Vitale





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto