Maracanazo 2014 – pagelle Brasile vs Germania, Fred l’Uomo Invisibile ed il non Incredibile Hulk

Maracanazo 2014 – pagelle Brasile vs Germania, Fred l’Uomo Invisibile ed il non Incredibile Hulk

La Germania del record man Miroslav Klose ha annientato il Brasile del ct Scolari, ecco le nostre pagelle tra il serio ed il faceto


Mondiali 2014, Maracanazo 2.0. Il Brasile prende sette ceffoni dai panzer tedeschi del buon Low che amministra le forze nel secondo tempo ed ordina ai suoi di non infierire troppo. Giusto due gol nei secondi quarantacinque minuti per mantenere accesa la fiammella dell’ingordigia contro Olanda o Argentina, si vedrà. I carioca già temono una disfatta sabato: l’avversario ideale potrebbe essere l’Albiceleste di Leo Messi, tanto per non andare nemmeno sul podio e gettare un paese nella depressione più totale. Gli psicologi di tutto il globo stanno già affittando appartamenti a Rio, Belo Horizonte, Recife ecc. ecc.

Veniamo alle pagelle. Julio Cesar si meriterebbe un 6 di incoraggiamento per aver ipnotizzato il coriaceo Ozil che si è divorato il gol dell’8-0 davanti alla porta. David Luiz si è perso Thomas Muller ma non la dignità: prega a fine partita, si scusa e, probabilmente, si farà liscio con la piastra. Voto: 5. Dante non è il più noto Alighieri ergo non ha portato fuori i suoi dalla selva oscura: ripetente. Marcelo si merita il 10 per l’imitazione sempre rigorosa di Ficarra, Fred un 30 e lode per quella dell’Uomo Invisibile. Hulk non è certo L’Incredibile e viene sostituito nell’intervallo, si dice che fosse comunque verde di rabbia.

Dobbiamo dare una valutazione ai tedeschi? 110 e lode non solo per la prestazione ma anche per lo spirito che hanno messo nei 90 minuti. Un po’ come nel rugby, una squadra non si deve fermare ma ha l’obbligo di andare avanti. La pietà, in particolar modo nello sport, è la sconfitta più grande: l’avversario alle corde deve saper reagire, mostrare grinta ed orgoglio anche davanti ad una manifesta superiorità del suo opponente.

L’incoraggiamento va a tutto il popolo verde-oro che ha visto crollare un sogno: non vogliamo più vedere bambini e donne in lacrime. Non si addice ad una Nazione che, grazie ai suoi tanti campioni, ha fatto sognare intere generazioni con imprese storiche. Mancano i piedi buoni e bisogna ricostruire, ci vorrà tempo e pazienza ma nulla è impossibile. I tedeschi lo hanno fatto con tanti giovani che sono definitivamente sbocciati.

Se anche tu vuoi commentare i Mondiali, seguici su Facebook cliccando qui.

Ferrari Franco Andrea





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto