Juventus – il nuovo allenatore è Massimiliano Allegri dopo l’addio di Antonio Conte

Juventus – il nuovo allenatore è Massimiliano Allegri dopo l’addio di Antonio Conte

Massimiliano Allegri è il nuovo tecnico della Juventus, l’ufficialità è attesa a breve. Il popolo bianconero è ancora sotto shock per via dell’addio di Antonio Conte dopo tre anni contraddistinti da altrettanti Scudetti e due Supercoppe Italiane. Per l’ex centrocampista c’è un bivio importante: la Nazionale o l’affascinante ipotesi PSG


Massimiliano Allegri è il nuovo tecnico della Juventus. Manca pochissimo all’ufficialità, l’ex allenatore di Cagliari e Milan è pronto a guidare i Campioni d’Italia per due stagioni – è infatti pronto un contratto biennale – si parla anche del suo stipendio. A quanto pare percepirà due milioni più bonus e si porterà dietro il suo staff. Attenzione però alla questione Evra: il giocatore vuole prima parlare con Allegri prima di dare il suo ok alla causa bianconera.

L’addio di Antonio Conte, tuttavia, tiene ancora banco. Infatti l’ex centrocampista, attraverso un video, ha comunicato la sua sofferta decisione. Forse, alla base di tutto, ci potrebbero essere dei dissapori sulla gestione del calciomercato. Sanchez non è arrivato alla corte degli Agnelli, Arturo Vidal ha le valigie pronte destinazione Manchester, sponda United. Adesso il suo futuro è quanto mai incerto ed affascinante.

Si aprono infatti le porte della Nazionale: Cesare Prandelli è approdato al Galatasaray e la panchina dell’Italia aspetta un condottiero. Antonio potrebbe essere l’uomo giusto ma sarà necessario capire come potrà gestire giocatori che vede poche volte nell’arco di una stagione. E’ risaputo che Conte sia una persona che bacchetta nel quotidiano gli atleti per spronare a dare il meglio di sé nei 90 minuti. Forse saranno necessarie altre esperienze, magari in top club europei come il PSG.

Traballa la posizione di Laurent Blanc, mai particolarmente adorato dallo sceicco Al Khelaifi. Con Zlatan Ibrahimovic e tutti gli altri campioni puntare alla Champions League, traguardo massimo per un tecnico, non è un’utopia. Quale sarà dunque il suo futuro? Che cosa sceglierà Antonio? Se vuoi rimanere sempre aggiornato con il grande sport, seguici su Facebook cliccando qui.

Ferrari Franco Andrea





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto