Finale Mondiali 2014 – Germania Argentina? Non in Corea del Nord [VIDEO]

Finale Mondiali 2014 – Germania Argentina? Non in Corea del Nord [VIDEO]

Portogallo VS Corea Del Nord sarà la finale dei Mondiali almeno così dice la televisione di stato nordcoreana e mostra alcuni fans brasiliani che festeggiano alla vista di Kim Jog Un


Tutti pronti per la finale di stasera tra Germania e Argentina che metterà in palio la coppa del mondo di calcio? Gli occhi di tutto il mondo alle ore 21 -italiane- saranno inchiodati sul match più importante dell’anno. Tutti tranne quelli dei nord coreani. Come ben sapete in Corea del Nord da anni vige una dittatura militare, con a capo al momento Kim Jong Un, figlio di Kim Jong Il, che non permette l’accesso a informazioni provenienti dall’estero. I coreani non vedranno la finale, ma almeno sanno che la propria Nazionale si giocherà il titolo contro il Portogallo.

Ieri sera il telegiornale nazionale ha mandato in onda un servizio sulla finale dei Mondiali, ma a grande sorpresa, per noi abitanti del mondo libero, non viene fatta menzione ne dell’Argentina, ne della Germania. La finale sarà invece Corea del Nord Portogallo. I coreani -presenti al mondiale con la nazionale del Sud ma non con quella del Nord, presenza sporadica in competizioni di un certo livello- sono approdati in finale dopo aver vinto solo 3 partite, 7-0 contro il Giappone, 4-0 agli USA e 2-0 contro la Cina, almeno così racconta sempre il servizio. Saranno contenti i fans portoghesi e il calciatore Cristiano Ronaldo, molto probabilmente prossime vittime della macchina da gol nordcoreana.

Come se non bastasse, il servizio ai limiti dell’assurdo, si conclude con alcune decine di tifosi brasiliani in festa che acclamano il presidente Kim Jong Un apparso illogicamente sui mega schermi delle spiagge carioca. Questa cosa ha del grottesco, ancora oggi nel 2014, nell’era di internet -ovviamente inesistente in Corea del Nord- è possibile manipolare l’informazioni così facilmente.

Ecco il video originale con i sottotitoli in inglese. E credeteci, non è uno scherzo.

Luca Fallati





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto