Confederations Cup: Balotelli torna a casa

Confederations Cup: Balotelli torna a casa

Anticipazioni in vista della semifinale tra gli Azzurri e la Spagna


Aveva dichiarato di aspettare da un anno l’occasione per la rivincita contro la Spagna, ma ora Mario Balotelli non potrà prendere parte alla supersfida di semifinale a Fortaleza di giovedì 27 giugno.

Una distrazione muscolare al quadricipite della gamba sinistra rimediata contro il Brasile, ha sancito la fine dell’avventura alla Confederations Cup per Supermario.

Balotelli ha espresso profonda tristezza per essere costretto a lasciare la squadra proprio alla vigilia della sfida con le Furie Rosse spagnole: “Mi sento un perdente ad andarmene così. Vorrei restare qui, ma c’è il preliminare di Champions con il Milan e quindi mi devo curare“.

Lo staff medico della Nazionale italiana ha infatti constatato l’impossibilità che il giocatore potesse recuperare entro domenica, quando verrà giocata la finale.
A prendersi cura di lui sarà ora lo staff del Milan“, ha spiegato Enrico Castellacci, medico della Nazionale azzurra.

Il c.t. Cesare Prandelli, invece, cerca di fare buon viso a cattivo gioco: “Mario era dispiaciuto ma non avrebbe fatto in tempo a recuperare per la eventuale finale. Senza Mario avremo l’opportunità di lavorare sul collettivo. Non abbiamo ricevuto pressioni dal Milan per farlo rientrare“.

Tuttavia lo stesso Prandelli ha anche sottolineato le grandi difficoltà per la preparazione delle gare della Confederations Cup: “Questo è un torneo molto bello, che serve tantissimo in prospettiva Mondiale. Ma ogni squadra dovrebbe avere gli stessi   giorni per preparare questo evento. Il Brasile lo prepara da un   mese. Ma se non ci sono le condizioni per altre squadre può   diventare un’agonia. Cercheremo di recuperare tutte le forze che   possiamo recuperare, la risposta caratteriale della squadra finora   c’è sempre stata e sarà ancora così. Il prossimo anno dovremo   arrivare qui con 23 atleti. Se arrivi con i serbatoi vuoti diventa   difficile. Giocare 3 partite in 6 giorni è assurdo“.





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto