Stefano Bollani – Hamilton de Holanda, imperdibili

Stefano Bollani – Hamilton de Holanda, imperdibili

Da capogiro, Stefano Bollani e Hamilton de Holanda. E ieri sera ai Midsummer Jazz Concerts di Stresa hanno raccolto l’ennesimo successo


Stefano Bollani ed Hamilton de Holanda è il duo d’eccezione che ha aperto, ieri sera, i Midsummer Jazz Concerts delle Settimane musicali di Stresa. Superlativi. La critica ne sottolinea l’intesa perfetta, i meno avvezzi al jazz ne colgono i virtuosismi e la grande capacità di divertirsi e far divertire; i palati fini apprezzano la combinazione dell’insieme, perfetta senza darlo troppo a vedere; e tutti sembrano “godersela alla grande”, in questo spettacolo di pura gioia dove l’intesa tra i due musicisti e il dialogo originale tra pianoforte e il mandolino sono il terzo elemento, sorprendente.

Si vola alto, altissimo, attraversando i brani degli autori brasiliani che i due già lo scorso anno avevano ripreso in uno straordinario album (O que serà – ECM), e poi le incursioni nella musica italiana, tra un Guarda che Luna che occhieggia irresistibile, Reginella, un Bollani d’annata . E se anche i Bee Gees con la cura Bollani-de Holanda diventano materia sopraffina, esercizio di puro talento sono quei divertissement che costellano – a piccole, giuste, dosi – lo spettacolo. Ovazione scontata, e l’omaggio al pubblico con un bis sulle note di Piazzolla e di Tico Tico. E dire che Bollani ha iniziato a suonare per non far sport, così racconta – tanto per non prendersi troppo sul serio – e sappiamo benissimo che non può essere così.





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto