“La spina dell’orata”, il singolo ironico del Collettivo salentino

“La spina dell’orata”, il singolo ironico del Collettivo salentino

“Osiamo nel momento in cui decidiamo di fare un pezzo che sappiamo che per le radio sarà difficile passarlo.” – dice Carletto – paradossalmente questo pezzo potenzialmente virale, ha trovato il suo spazio anche in radio


Un giorno, quattro amici s’incontrano in riva al mare e decidono di dare vita a un progetto musicale:  il “Collettivo salentino“. La loro musica è tendenzialmente ironica, ballabile e in dialetto salentino. Il classico singolo che si sente nelle balere, in spiaggia o nei villaggi turistici, e a cui pochi possono resistere prima di buttarsi nella mischia festaiola. L’idea di suonare per far ballare e divertire li affascina quindi, si mettono all’opera e creano fino ad ora, 3 singoli: Cchiappa Lu Zinzale” (2013), “Natale in Salento” (2014) e ora “La spina dell’orata”.

Il gruppo è composto da Carlo “Carletto” Nicoletti e Fernando Proce, speakers e deejays di RTL 102.5 e da Carlo e Nicco Verrienti, due fratelli entrambi noti autori e produttori.

Anche Giuliano Sangiorgi, il frontman dei Negramaro è rimasto colpito da  “Cchiappa Lu Zinzale” – cantata da Carletto, salentino ma cresciuto a Firenze.
Ecco cosa mi ha raccontato in un’intervista Carlo “Carletto” Nicoletti” – “Giuliano Sangiorgi è un amico. Se non fosse uscito col disco nuovo dei Negramaro, Sangiorgi avrebbe fatto una piccola parte in Natale in Salento.” 
“Io vorrei coinvolgere qualche realtà salentina forte nei prossimi progetti, tipo Sud Sound System, Negramaro o qualche altra realtà forte della terra della pizzica e della taranta.”

I quattro insieme hanno scritto il pezzo ironico “La spina dell’orata” e nel video diretto da Carletto, appare Cristiano Militiello (Striscia la notizia), Enrica Guidi (I delitti del Barlume) Angelo Baiguini, Sara Ventura, Jennifer Pressman, Tony Maiello e Paolo Cavallone, altri colleghi della radio.

Un pezzo leggero, pieno di ironia e buon umore, che probabilmente sentiremo molto spesso quest’estate.

 

 

Ivone Ferreira





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto