Jeff Hanneman morto, mondo metal in lutto

Jeff Hanneman morto, mondo metal in lutto

Lo storico chitarrista degli Slayer è deceduto per insufficienza epatica


Il mondo del metal è sconvolto: Jeff Hanneman, chitarrista della band thrash metal Slayer, è morto a soli 49 anni per una insufficienza epatica. Autore di storici riff che hanno fatto la storia del metal mondiale ed ispirato migliaia di chitarristi, Jeff si era allontanato dalla band in quanto un morso di un ragno lo aveva debilitato, creandogli problemi di salute. La band aveva scelto Gary Holt per alcuni live show.

L’annuncio è stato dato sulla pagina Facebook ufficiale del gruppo americano: “Gli Slayer sono devastati nell’ informare che il loro compagno di band e fratello, Jeff Hanneman, è scomparso alle 11:00 di questa mattina nei pressi della sua casa in California del Sud. Aveva 49 anni. Hanneman era in un ospedale di zona quando ha cominciato a soffrire di insufficienza epatica. Ha lasciato la moglie Kathy, la sorella Kathy ei suoi fratelli Michael e Larry, e ci mancherà molto.

Hanneman, cresciuto a Long Beach, in California, conosce l’altro chitarrista Kerry King con cui formerà gli Slayer. Il suo stile, veloce, potente ed aggressivo ha fatto scuola. Grazie a lui la band è diventata seminale andando a sfornare successi quali Angel of Death, War Ensemble, South of Heaven e molti altri brani che hanno conquistato milioni di amanti delle sonorità estreme.

Oscuri e potenti, gli Slayer hanno scritto pagine memorabili del metal e Jeff Hanneman era un’icona del genere. Molti gruppi storici come Megadeth, Anthrax e Metallica, coi cui avevano formato i Big 4, hanno voluto tributare il giusto omaggio al chitarrista. Si è spenta una vita ma non la sua musica.





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto