Grammy Awards 2014 – tra nozze gay e grandi artisti

Grammy Awards 2014 – tra nozze gay e grandi artisti

Daft Punk in testa, ma anche Pharrel Williams, Macklemore e Ryan Lewis, Metallica, Paul McCartnet e tantissimi altri ai Grammy Awards 2014


Si è svolta ieri, domenica 26 gennaio 2014 allo Staples Center di Los Angeles la cinquantaseiesima edizione dei Grammy Awards, le premiazioni che onorano gli artisti più influenti della cultura pop nell’anno passato e non.

Quest’anno (come in fondo era già successo nelle edizioni passate) l’evento ha visto oltre che assegnare l’onoreficenza ai più grandi artisti in voga, un grande contributo a livello sociale e comunitario: durante l’esibizione della pop-star statunitense Madonna, che con perfetto tempismo ha cantato “Same Love” proseguendo con “Open your heart”, sono stati celebrati da Queen Latifah 33 matrimoni sia tra etero che tra omosessuali, sicuramente un grande evento storico e di grande impatto sulla sensibilità dei miriadi di spettatori che hanno seguito la serata, appoggiato dalla stessa Sarah Kate Ellis, presidentessa dell’organizzazione per la difesa dei diritti degli omosessuali “GLAAD” e moglie di Kristen Henderson della band Antigone Rising.

Per quanto riguarda la musica, la serata ha visto nelle premiazioni l’indiscusso trionfo dei Daft Punk, il duo francese composto da Guy-Manuel de Homem-Christo e Thomas Bangalter, che ha vinto il “Record of the year” e il “Pop duo/group performance” detenuti dal loro ultimo singolo “Get Lucky” (pubblicato il 19 aprile 2013), scritto assieme al cantante e produttore Pharrell Williams (vincitore, tra l’altro, del Grammy per il miglior produttore dell’anno) e Nile Rodgers, a cui si aggiungono l’ “Album of the year” e il “Dance/Electronica Album“, per  “Random Access Memories”, loro ultima fatica pubblicata il 17 maggio 2013.

Grande successo anche per Macklemore e Ryan Lewis, detentori dei Grammy per “New Artist“, “Rap Performance” “Rap Song” (per “Thrift Shop“, singolo uscito il 28 agosto 2012) e “Rap Album” (con l’ultimo lavoro “The Heist“, uscito il 9 ottobre 2012); ma la serata ha visto anche una Beyonce’ e Jay Z hanno aperto lo show con una versione particolarmente sexy di “Drunk in Love” (singolo della cantante del 17 dicembre 2013), dei Metallica tutti nuovi che hanno suonato la vecchia e leggendaria “One” (singolo dell’album “…And Justice for All” pubblicato il 10 gennaio 1989) assieme al celebre pianista Lang Lang, una Pink che ha cantato sospesa nell’aria da vera acrobata, oltre a Sara Bareilles, Kendrick Lamar, Taylor Swift, Justn Timberlake e tantissimi altri.

Particolarmente illustre è stata la partecipazione degli ex Beatles Paul McCartney e Ringo Starr, (vincitori del Grammy “Rock Song“) che si sono esibiti in una jam session chiamata “Cut Me Some Slack“assieme a niente meno che Dave Grohl e Krist Novoselic, ex membri della band grunge di Seattle Nirvana.

I quattro hanno cantato assieme per anticipare la registrazione (che avverrà proprio oggi) di uno speciale per commemorare il cinquantesimo anniversario della loro prima volta in America, il 9 febbraio del 1964; lo speciale si intitolerà “The Night That Changed America: A Grammy Salute to the Beatles”e avrà la partecipazione di Katy Perry, Ed Sheeran, John Mayer, Keith Urban, Pharrell Williams, Joe Walsh, Gary Clarke e Annie Lennox.

Insomma quest’anno è stato davvero un’evento produttivo sia dal punto di vista artistico, con tantissime nuove proposte come importanti e rispettabilissimi ritorni, che dal punto di vista sociale e di sensibilizzazione umana.

 

Per conoscere tutti i Grammy assegnati CLICCA QUI

 

Pharrell Williams, Stevie Wonder & Daft Punk – Get Luky

 

https://www.youtube.com/watch?v=j_FkYHKLuBQ





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto