Grammy, Adele e Foo Fighters sbancano

Grammy, Adele e Foo Fighters sbancano

Un velo di commozione sui Grammy, dedicati inevitabilmente a Whitney Houston, che nella sua carriera ne ha portati a casa…


Un velo di commozione sui Grammy, dedicati inevitabilmente a Whitney Houston, che nella sua carriera ne ha portati a casa sei.  Neil Portnow, presidente della Recording academy nel ricordare la cantante scomparsa proprio alla vigilia dell’evento ha detto che “una luce è stata oscurata nella comunità musicale”.

Ma lo spettacolo continua, quelli 2012 saranno ricordati come i Grammy di Adele, la 23enne cantante britannica ne ha portati a casa sei tra cui quello al miglior album del 2011, “21” e il miglior singolo dell’anno, “Rolling in the Deep“. In breve ha vinto in tutte e sei le categorie in cui è stata candidata. La musica come conforto al dolore, catarsi, speranza, questo il messaggio lanciato da Adele, tornata ad esibirsi proprio ai Grammy dopo un delicato intervento alle corde vocali. Consolazione e speranza che non hanno toccato sino in fondo l’animo di Whitney Houston, morta sabato all’età di 48 anni proprio alla vigilia dello spettacolo, e dopo aver lottato per più di due decenni con l’abuso di droga. E’ morta poche ore prima di poter partecipare all’annuale pre-Grammy party organizzato da Clive Davis, il veterano manager della musica che la scoprì e col quale firmò il suo primo contratto discografico quasi tre decenni fa.

Nella serata di Los Angeles dominata dalle storie di Whitney e Adele, la ventata dei Foo Fighters, la rock band a cui sono andati cinque premi sui sei a cui erano candidati, cedendo solo il premio all’album dell’anno, andato ad Adele.

LL Cool J ha aperto lo show dopodiché Bruce Springsteen & the E Street Band  hanno suonato il loro ultimo singolo, “We Take Care of Our Own” – “con una preghiera per la nostra sorella caduta”.

 

Qui tutti i vincitori.

 

https://www.youtube.com/watch?v=3X-Vev04m58





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto