Festival di Sanremo 2014 – Rocco Hunt – Nu juorno buono [testo]

Festival di Sanremo 2014 – Rocco Hunt – Nu juorno buono [testo]

Ecco il testo che il giovanissimo rapper napoletano proporrà sul palco dell’Ariston


Il singolo “Nu juorno buono” è il brano con cui il giovanissimo (soli 19 anni) rapper salernitano Rocco Hunt, al secolo Rocco Pagliarulo, si presenterà alla sessantaquattresima edizione del Festival di Sanremo condotta quest’anno come lo scorso dal presentatore ligure Fabio Fazio e la comica torinese Luciana Littizzetto.

Il giovanissimo rapper gareggerà sul palco dell’Ariston tra le nuove proposte assieme agli esordienti Zibba, Vadim, Bianca, The Niro, Veronica de Simone, Diodato e Filippo Graziani, ed è l’unico esponente della musica hip hop tra le nuove proposte, mentre vede un suo collega tra i big: il rapper torinese Frankie hi-nrg mc.

Il brano è, a detta stessa del giovane cantante, un “manifesto” del suo amore per la terra campana, tanto splendida quanto carica di problemi da risolvere, con un tono speranzoso che incita il riscatto del valore del salento.

Dopo la pubblicazione lo scorso giugno del suo nuovo disco “Poeta Urbano” il ragazzo prova a emergere nel panorama musicale italiano con questa esperienza sanremese nonostante la sua giovanissima età e noi gli auguriamo buona fortuna.

 

Per il video del brano e info CLICCA QUI

 

Rocco Hunt – Nu juorno buono – testo

Questa mattina per fortuna c’è un’aria diversa

Il sole coi suo raggi penetra dalla finestra

Quant’è bella la mia terra

Mi manca quando parto

Porto una cartolina di riserva

Questo posto non deve morire

La mia gente non deve partire

Il mio accento si deve sentire

La strage dei rifiuti

L’aumento dei tumori

Siamo la terra del sole

Non la terra dei fuochi

Questa mattina per fortuna la storia è cambiata

Vedo la gente che sorride spensierata

Non esiste cattiveria

Si sta bene in strada

Il mondo si è fermato

In questa splendida giornata

E’ nu juorno buono

stammatina m’a scettat’ o’ sol

l’addore ro’ cafè

o’ stereo ppe’ canzone

da quanto tiemp’ cca nun stev’ accussì

ogni cosa accumenc’ pecchè m’addà finì

ma nun me manca nient’

stamattin nu me manca nient

abbraccia a’ Gabriellin

s’addorm n’copp o’ liett’

nun sap’ e’ prublem

nun sap’che sti schem nun sape che a vita ro dolce e poi t’avvelen

nu bac’ a’ mamma mij

a’ già furnut e’ fà e serviz’

a’ principess rint’ a miseria

ha mis o’ munn stu scugnizz

m’ha mparat’ a piccolin

ca’ nu suonn’ se realizz’

te cancellass’ tutte e’ rughe

e tutte e cose trist’

Dimentica di andare fuori per lavoro

Le nuove aziende fioriranno nel tuo territorio

Dimentica le banche, li presteremo noi a loro

Zero padrone, gli ruberemo il trono

Non c’è la fila allo sportello (e comm’è)

È come se tifi un’altra squadra

Sei lo stesso mio fratello

Fratello Amore

Invece di impugnare quel coltello

La violenza è stata sempre il metodo di chi non ha cervello

Tagliate quella linea che divide nord e sud

Guardo il cielo per cercare chi purtroppo non c’è più

E’ un giorno nuovo anche per loro

E son sicuro che un sorriso l’ho strappato

Pure a voi lassù

E’ nu juorno buono

stammatina m’a scettat’ o’ sol

l’addore ro’ cafè

o’ stereo ppe’ canzone

da quanto tiemp’ cca nun stev’ accussì

ogni cosa accumenc’ pecchè m’addà finì

ma nun me manca nient’

stamattin nu me manca nient

abbraccia a’ Gabriellin

s’addorm n’copp o’ liett’

nun sap’ e’ prublem

nun sap’che sti schem nun sape che a vita è ro dolce e poi t’avvelen

è nu juorno buono..

Questo posto non deve morire

La mia gente non deve partire

Il mio accento si deve sentire

a mio zio che si sceta a matina

a gennar ca avvuto o criaturo

a pisciaiuoli ai fruttaioli

pe tutta a gent ro rione

 





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto