Al via le prevendite per i Muse a Bologna e Torino: pronti al sold out

Al via le prevendite per i Muse a Bologna e Torino: pronti al sold out

Non possono davvero stare lontani dall’Italia, i [Muse][1]: se già il prossimo album ([The Resistance][2], in uscita a settembre) viene…


Non possono davvero stare lontani dall’Italia, i [Muse][1]: se già il prossimo album ([The Resistance][2], in uscita a settembre) viene registrato tra il lago di Como e Milano, per non scomodare il cantante [Matt Bellamy][3], la grande rock band di Teignmouth ha già annunciato le due date italiane del nuovo tour: il ritrovo per gli appassionati è fissato alla [Futurshow Station][4] di Bologna il 21 novembre, per poi replicare venerdì 4 dicembre al Palaolimpico di Torino. A fronte dei passati sold out al [Madison Square Garden][5] di New York e al Parco dei Principi di Parigi, non è difficile immaginare che anche nel Belpaese i Muse otterranno il tutto esaurito: c’è solo da scommettere con quanti mesi di anticipo sulle date dei concerti, visto che i biglietti saranno disponibili già dalla mattina di venerdì 12 giugno.

L’attesa è come sempre altissima, trattandosi di una formazione che ha sempre saputo stupire (in positivo) fan e intenditori del rock mondiale, grazie a una rara vocazione per le contaminazioni con altri generi o l’introduzione di strumenti poco ortodossi: chi non ricorda il pianoforte ispirato alla musica romantica e il [Mellotron][6] di “Origin of Symmetry”? Con buona pace del nemico Tom Yorke, anima dei [Radiohead][8], il debito d’ispirazione accusato nel primo album (“Showbiz”), già dal secondo lavoro era storia passata. Dal 2001 è cominciata quindi la leggenda dei Muse, che già due anni dopo costituivano il nome di testa del [Glastonbury][7] Festival, vale a dire il festival per eccellenza in Inghilterra.
Difficile prevedere a quali vertici possa arrivare una riserva di creatività così corposa. L’unico indizio l’ha dato lo stesso Bellamy nel corso di un’intervista alla BBC lo scorso marzo, durante la quale ha definito il futuro disco “orchestrale e sinfonico”. Che i Muse vogliano scrivere l’epopea classica del rock? (Caterina Porcellini)

[1]: http://www.impattosonoro.it/2009/05/26/news/ha-un-nome-il-nuovo-album-dei-muse/

[2]: http://www.musiczone.it/festival-concerti/muse-the-resistance.html

[3]: http://www.buzzandmusic.com/2009/02/muse-liveuna-forza-della-natura/

[4]: http://www.postfiera.org/archives/1212

[5]: http://www.viagginewyork.it/blog/?p=89

[6]: http://www.onevintage.it/12/09/2008/il-mellotron-la-magia-del-suono-analogico/

[7]: http://www.musiczone.it/rock/glastonbury-2009-lineup.html

[8]: http://www.emusicblog.it/2008/11/09/remix-speciale-dei-radiohead-in-onore-di-obama/





COMMENTI

    Lascia una risposta


    Vedi tutto