Stella McCartney denuncia gli allevamenti di lana in Patagonia

Stella McCartney denuncia gli allevamenti di lana in Patagonia

Stella McCartney smette di utilizzare la lana degli allevamenti della Patagonia a causa dei maltrattamenti causati agli animali


Stella McCartney smette di utilizzare la lana degli allevamenti della Patagonia a causa dei maltrattamenti causati agli animali

La famosa stilista britannica Stella McCartney dopo la scoperta agghiacciante a danno delle pecore di alcuni allevamenti della Patagonia, ha deciso di troncare ogni rapporto denunciando l’accaduto.

La scoperta è avvenuta grazie ad alcuni filmati entrati in possesso della PETA (che si batte in difesa degli animali), in cui sono ben visibili i maltrattamenti che le pecore subiscono.

3

La McCartney da sempre attivista per i diritti sugli animali ha interrotto ogni rapporto con la fattoria “Ovis 21” con cui aveva una stretta collaborazione da diverso tempo.

“Sono molto addolorata per aver cessato i rapporti con “Ovis 21” – ha dichiarato Stella McCartney – non possiamo tollerare un accaduto simile, la nostra nasce come un’iniziativa straordinaria per aiutare e proteggere un milione di acri di pascoli in via di estinzione in Patagonia, curando il benessere degli animali. Purtroppo – continua McCartney – dopo aver condotto la nostra ricerca in Argentina, a seguito della visione di alcuni filmati terrificanti e dolorosi forniti dalla Peta scoprendo così come vengono maltrattate le pecore abbiamo preso le nostre decisioni”.

2

“Come designer che ha costruito un marchio senza l’utilizzo di pelle, pelliccia, o animali in genere, non posso tollerarlo – ha concluso Stella McCartney – . Sono devastata dalla notizia e più determinata che mai a combattere per i diritti degli animali nel campo della moda e monitorare ancor più da vicino tutti i fornitori coinvolti in questo settore, affinchè non siano sfruttate vite innocenti”.

Le scuse da parte dell’azienda (arrivate con un comunicato attraverso la loro pagina Instagram) sono servite a poco.

Laura Gagliano

1 copertina

 





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto