Ottavio Missoni in mostra a Gallarate: Missoni, l’arte, il colore

Ottavio Missoni in mostra a Gallarate: Missoni, l’arte, il colore

La grande retrospettiva dedicata a Ottavio Missoni: MISSONI, L’ARTE, IL COLORE


Ottavio Missoni in mostra a Gallarate (Va)

La grande retrospettiva dedicata a Ottavio Missoni: MISSONI, L’ARTE, IL COLORE
Un altra emozionante mostra dedicata al connubio tra moda e arte prende il via, al MA*GA di Gallarate (VA) dal 17 aprile all’8 novembre 2015: MISSONI, L’ARTE, IL COLORE.

Questa volta tocca ad un personaggio che ha fatto gran parte della storia della moda italiana divenendo anche d’importanza internazionale grazie alle sue trame fitte e colorate che hanno sempre esaltato le sue collezioni, un personaggio che da sempre ha saputo diversificarsi nella sua arte rendendola unica, un vero patrimonio della storia: “Ottavio Missoni”.

Ottavio Missoni (ex brillante atleta, ex modello di fotoromanzi) inizia il suo percorso nella moda nel 1953 dopo aver sposato la moglie Rosita che possiede insieme alla famiglia una fabbrica di scialli e tessuti ricamati, successivamente si dedica anima e corpo al progetto moda aprendo un laboratorio di maglieria insieme alla moglie che disegna gli abiti, mentre lo stesso Ottavio andrà in giro con il campionario per mostrare ai negozianti i suoi preziosi ed estrosi tessuti colorati, cercando di convincere gli stessi ad abbandonare il tristissimo nero.

Il proficuo percorso nel campo della moda viene influenzano dalle continue ricerche che effettuano Ottavio e Rosita appassionati dall’arte astratta protagonista di quegli anni.
Giacomo Balla, Sonia e Robert Delaunay, Fortunato Depero, Osvaldo Licini, Lucio Fontana, Otto Freundlich, Wassily Kandinsky, Paul Klee, Piet Mondrian, Bruno Munari, sono solo alcuni dei nomi più importanti del panorama artistico della prima metà del Novecento dove colore, materia e forma sono anche i fulcri attorno ai quali ruota la costante ricerca dei Missoni.

missoni3 trame testimonial

L’insieme della fusione tra moda e arte è testimoniata nella grande installazione di abiti presenti al Ma*Ga, di cui gli stessi Missoni ne hanno curato personalmente la progettazione e l’allestimento. La mostra è interamente dedicata al fascino e al glamour delle collezioni moda che hanno fatto la storia della Maison. Una sezione conclusiva esplora invece le relazioni tra il pensiero creativo di Ottavio Missoni e l’arte contemporanea italiana, di cui lo stesso Missoni è protagonista attraverso lo studio di opere pittoriche, il colore e gli arazzi; Giuseppe Capogrossi, Roberto Crippa, Nino Di Salvatore, Achille Perilli, Tancredi, Emilio Vedova, Luigi Veronesi, Carla Accardi, sono solo alcuni dei nomi che hanno avuto una forte influenza sull’estro creativo di Ottavio Missoni.

missoni1

Missoni è oggi segno indistinguibile di un’ arte presente anche nel mondo del design.
La mostra si apre con “Casa di Moda”, una video installazione di Ali Kazma che ripercorre la storia di “Casa Missoni”; l’artista esamina il ciclo creativo, l’approccio all’arte e la produttività aziendale, mettendo in risalto la ricerca di un design innovativo ed avanzato.

trame2

Missoni, l’arte, il colore” è curata da Luciano Caramel ed Emma Zanella sul progetto realizzato dalla città di Gallarate, Museo Ma*Ga e Archivio Missoni, con il contributo e il patrocinio di Regione Lombardia – Assessorato alle Culture, Identità e Autonomie, Provincia di Varese, Camera di Commercio di Varese, e con la partecipazione di Gallerie d’Italia – Piazza Scala (Milano). La mostra fa inoltre parte del progetto Grand Tour EXPO.

ottavio e rosita missoni

Laura Gagliano





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto