La ceretta è un’opinione

La ceretta è un’opinione

Con l’avvicinarsi della bella stagione è facile voler sfoggiare gambe lisce e perfette, ma non tutte la pensano così


La ceretta è la migliore amica di ogni donna che voglia sentirsi liscia e perfetta in ogni occasione.
Non solo in estate, ma anche durante l’anno non si riesce proprio a fare a meno di togliere peli considerati superflui in alcune parti del corpo, per cui la nostra amica estetista sarà sempre ben lieta di accoglierci e di spalmarci addosso cera calda da strappare via.

Come per tutti i legami d’affetto e d’amicizia, anche quello che ci lega inesorabilmente alla ceretta non è esente da lati oscuri e fastidiosi che ogni volta ci tocca affrontare, come per esempio il dolore provato durante uno strappo su una parte del corpo troppo delicata.
A niente valgono le sedute di yoga, training autogeno o pilates per riuscire a sopportare il dolore o trovare una posizione adeguata al sentire il minor fastidio possibile: a volte non basta nemmeno l’esperienza e l’aver fatto così tante cerette da esserci rimasto solo un pelo sul monte di Venere, per darci sicurezza che alla prossima seduta sarà come bere un bicchiere d’acqua.

Di conseguenza, amiche care, o decidete di stringere i denti e soffrire quanto basta per sentirvi poi delle dee mancate sulla Terra, oppure potete aggiungervi al club delle donne pelose.

Esatto: in Inghilterra, già dalla scorsa estate, è stata lanciata questa moda di non depilarsi gambe, ascelle, braccia e inguine, per lasciare che la natura riprenda pieno possesso del corpo femminile tramortito da tutti questi metodi per eliminare i peli, di cui qualcuna va invece molto fiera.
L’Hairy Legs Club, così si chiama lo strano ed originale club tutto femminile, ha veramente tante adepte che indossano tranquillamente una minigonna sfoderando gambe degne di un giocatore di rugby. Fra i vari sostenitori vi sono anche uomini che sentono di sdoganare i loro pensieri più reconditi circa le gambe villose, cantando inni al pelo e a quanto si possa essere attratti anche da questi. Per l’amor del cielo…

4

Se non avete mai sentito parlare e ne siete incuriosite, vi lasciamo qualche immagine che vi farà rimanere a bocca aperta, ma pensate che qualcuno aveva già urlato al femminismo 2.0.

In questo periodo di inizio primavera in cui tutte desideriamo poter di nuovo sfoggiare le nostre gambe, non potevamo esimerci dal mostrarvi l’altro lato della medaglia.

Unico inconveniente: non è un pesce d’aprile.

Alessandra Paschetto

2

1

3

45





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto