I cibi che aiutano la tintarella

I cibi che aiutano la tintarella

Tempo di sole ma anche rischio scottature, ecco quindi i cibi che aiutano il corpo ad abbronzarsi in modo naturale


Più ci si avvicina al 21 giugno, giorno che astronomicamente parlando dà inizio all’estate, più si sente profumo di vacanze, creme solari e tintarella.

Si sa infatti che quasi a tutti piace prendere il sole, tornando in città a settembre almeno con un velo di colorito sulla pelle per darsi un’aria quasi esotica, ma dobbiamo essere prima di tutto consci che con il sole non si scherza e men che meno con la pelle.

Tanti sono i rischi dovuti all’esposizione solare, che in alcuni casi possono anche favorire l’insorgere di malattie cutanee problematiche, mentre nei casi assolutamente lievi e di portata ben più ampia si tratta di scottature passeggere che oltre a rovinarvi l’abbronzatura rischiano di farvi passare il più delle vacanze all’ombra. Quindi, oltre ad aiutarvi con il cibo, ricordatevi una buona crema solare e di esporvi in orari giusti senza eccedere, perché tanto il corpo si abbronza comunque.

In natura esistono degli alimenti che possono aiutarvi nell’impresa di abbronzarvi in modo salutare perché ricchi di beta-carotene, ritrovabili fra la frutta e la verdura. Fra i frutti dobbiamo annoverare le albicocche, i cachi, le pesche, i meloni, le arance, mentre fra la verdura non mancano le carote, zucche gialle, pomodori e peperoni rossi: tutti questi alimenti sono accomunati dal colore giallastro, arancione / rosso nonché dal fatto che in giuste quantità sono assolutamente indicati nelle diete estive. Fra la verdure non dimentichiamo anche quelle a foglia larga come gli spinaci, broccoli, rape e cicoria.

Attenzione: il beta carotene è molto sensibile alla luce, di conseguenza i cibi che lo contengono vanno tenuti al fresco e lontano da fonti di luce e calore; è resistente alla cottura, quindi è ritrovabile anche nelle verdure cotte purché la cottura non sia troppo prolungata e viene dissolto invece con la frittura. Infine, per avere una più alta concentrazione cellulare di beta carotene bisogna evitare il fumo di sigaretta.

Come potrete notare molti sono frutti di stagione che fanno pure bene alla linea, quindi perché non approfittare di ciò che la natura regala? Unirete addirittura l’utile al dilettevole.

Alessandra Paschetto

pesche

ofbg





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto