Buon #NoDietDay!

Buon #NoDietDay!

Mercoledi 6 maggio è stato decretato il No diet day, il giorno in cui si abbandonano i regimi alimentari per capire il vero senso del cibo


Care amiche che avete sempre rimandato la conoscenza con il famoso lunedi che avrebbe sancito l’inizio della dieta, procrastinando ogni possibilità di iniziare un regime sano ed equilibrato continuando a nascondere le M&M’s sotto il cuscino (come darvi torto), oggi è la vostra giornata!

Si, avete sentito bene: se mercoledi 6 maggio 2015 coincide con il vostro compleanno, anniversario o qualsiasi altra ricorrenza felice vi facciamo i nostri auguri e vi diamo gli indirizzi di qualche pasticceria, se invece per voi è un giorno qualsiasi, ricordatevi che state celebrando il No Diet Day. Già vi vedo abbandonare la forchettina che stava infilzando una triste foglia di lattuga, correndo dalle colleghe urlando “Ragazze, se magna!“. E’ giusto, festeggiate!

Oggi dite stop a qualsiasi rinuncia, dieta ferrea, barretta alimentare proteica, verdurine cotte a vapore e scondite; dovete invece sorridere, che è pure il motivo che ha dato vita a questo evento internazionale, nato in risposta a tutti coloro che hanno l’ossessione del peso e/o sono vittime di discriminazioni a riguardo, diventando dunque incapaci di accettarsi davvero e capire il vero valore del cibo.

Il No Diet Day è stato organizzato nel 1992 da una ex anoressica e fondatrice dell’associazione Diet Breakers, tale Mary Evans Young, per ricordare a tutti che il cibo non deve spaventare e con esso dovremmo avere un rapporto più tranquillo per non cadere negli eccessi.

Quindi oggi, care amiche, sentitevi libere di non riuscire ad allacciarvi il bottone dei jeans, perché a questo ci penserete domani (o potete comprarvene un altro paio. Dovrebbero istituire la giornata mondiale dello shopping “necessario” l’indomani del No Diet Day).

Ricordate: il tono è puramente ironico. Mangiare bene non coincide con privazioni drastiche, ma con la scelta di cibi adeguati al nostro corpo raccomandati per prevenire tumori, malattie cardiovascolari e disturbi alimentari, perché come diceva Ippocrate “Fa che il cibo sia la tua medicina“.

Alessandra Paschetto

1





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto