Shakira nella bufera: rischia 8 anni di carcere

Shakira nella bufera: rischia 8 anni di carcere

Continua il periodo no di Shakira. Dopo aver annunciato ufficialmente la fine della relazione con il compagno Gerard Piqué, si ritrova nuovamente sulle prime pagine dei giornali con l’accusa di frode fiscale da parte della procura della città di Barcellona.


Come si dice, le disgrazie non vengono mai sole. Quelle che stanno travolgendo la cantante colombiana Shakira però sono due tzunami mediatici. Il primo è la separazione dopo oltre 12 anni d’amore, con il compagno e padre dei suoi due figli, il calciatore Gerard Piqué. Notizia necessariamente confermata tramite comunicato stampa, visto gli scoop giornalistici emersi negli ultimi mesi sui suoi molteplici tradimenti. L’ultimo però non è stata una delle solite scappatelle, bensì una relazione parallela con una ragazza di vent’anni durata molti mesi. Così Shakira ha deciso di mettere ufficialmente alla porta il caro Gerard. Nel cercare di ricomporre la propria vita e ritrovare finalmente un equilibrio, ecco l’arrivo di un’altra preoccupazione. Stavolta però non si tratta di sentimenti o famiglia, è una questione fiscale.

Le accuse contro Shakira della procura di Barcellona

Secondo la procura di Barcellona, Shakira avrebbe sottratto al fisco nel periodo dal 2012 al 2014, 14,5 milioni di euro e rischierebbe otto anni di reclusione. In realtà, fino al 2015 la residenza fiscale della cantante era alle Bahamas che sono note per essere uno dei tanti “paradisi fiscali”. Il passaggio dalle Bahamas alla Spagna è stata effettuata solo nel 2015 per seguire il compagno Piqué. La procura però accusa Shakira di aver vissuto a Barcellona già negli anni 2012-2014 e per questo motivo, di esser soggetta al pagamento delle tasse in questo paese, cosa che non avrebbe fatto. Shakira ribatte affermando che aver già pagato 17.2 milioni di euro al fisco spagnolo ed rifiutando il patteggiamento.

Secondo gli avvocati della cantautrice le accuse sono totalmente infondate.

Si tratta di una totale violazione dei suoi diritti. Quelli dell’accusa sono metodi abusivi e le accuse sono infondate. Shakira si dice fiduciosa del fatto che la giustizia le darà ragione. L’accordo non è stato accettato, ma la possibilità di raggiungerne uno resta aperta fino all’udienza in un tribunale di Barcellona. Il rinvio a giudizio non è stato ancora pronunciato. Restiamo fiduciosi nella giustizia, per adesso non ci saranno ulteriori comunicazioni.