Laura Chiatti ammette di essere stata in crisi con Marco Bocci

Laura Chiatti ammette di essere stata in crisi con Marco Bocci

L’attrice Laura Chiatti si racconta al settimanale Chi di Alfonso Signorini, su come ha lavorato per superare le sue paure anche se tutt’ora soffre di attacchi di panico. Per fortuna accanto a lei ha la sua famiglia e il marito, Marco Bocci. Anche se il loro rapporto non è tutto rose e fiori.


Laura Chiatti ha compiuto 40 anni la scorsa settimana. A festeggiarla, scoccata la mezzanotte, la sua famiglia: il marito Marco Bocci e due figli da lui avuti, Pablo ed Enea. Si sono presentati in camera con una torta, una rosa rossa e due palloncini con i numeri. Poi una festa a sorpresa, organizzata dallo stesso Bocci, a tema hippie anni ’60 con tanti amici. Tra gli invitati c’era anche Francesco Arca, l’ex compagno di Laura, con il quale ha mantenuto un rapporto molto amichevole.

Francesco è diventato una sorta di fratello maggiore. Quando Marco è stato male [causa encefalite da herpes] lui, Irene e i loro bambini sono corsi qui, dandomi forza e coraggio.

Interrogata dal settimanale Chi di Alfonso Signorini sul bilancio di questi primi quarant’anni, la Chiatti afferma di esserne molto soddisfatta.

Il bilancio della mia vita? È già positivo. Rifarei tutto quello che ho fatto. Sono libera. Ho sempre scelto in base a quello che sentivo mio. Ho un marito fantastico e due figli meravigliosi.

Laura Chiatti: “con Marco Bocci ci sono state delle discussioni”

Nonostante le dichiarazioni rilasciate, negli ultimi tempi erano girate voci su una probabile crisi tra lei e Bocci, forse a causa di un tradimento. Laura non nasconde che ci sono stati dei momenti duri per la coppia, come succede per tutti.

Ci sono momenti in cui, a ogni coppia che si rispetti, accade qualcosa. Possono arrivare delle turbolenze causate dal lavoro, dalla distanza, dagli imprevisti, che non fanno sconti a nessuno. E così arrivano a cascata ansie, stress, paure. Mantenere alta l’asticella non è sempre facile. Bisogna incontrarsi, capirsi, prendersi del tempo.

La nostra concezione non è mai stata quella di buttare, bensì di aggiustare tutto. Ci sono state delle discussioni è vero, ma parliamo di discussioni che non ci hanno mai portato a prendere la decisione di lasciarci.

Ma nel caso ci fosse stato un tradimento lo perdonerebbe?

Non credo molto alla fedeltà fisica, quanto a quella spirituale. Non indago, non voglio sapere, non m’interessa. Confido nel rispetto umano e nella fiducia. Lo perdonerei, odio l’ipocrisia. Ma se proprio dovesse accadere attuerei la legge del taglione. [ride]