Flavio Briatore fa conoscere Leni Klum a Nathan Falco

Flavio Briatore fa conoscere Leni Klum a Nathan Falco

Nonostante il mancato riconoscimento della paternità, Flavio Briatore ha presentato a suo figlio Nathan Falco la sorellastra Leni, nata dalla relazione con la super modella Heidi Klum.


Il tempo è galantuomo e probabilmente fa anche riflettere sui propri gesti. Si potrebbe riassumere in questa maniera la foto postata in questi giorni dall’imprenditore Flavio Briatore. Uno scatto di famiglia allargata come tante ma nel caso particolare, è anche un mezzo riconoscimento. Già perchè la foto vede Flavio Briatore ed Elisabetta Gregoraci con il figlio Nathan Falco e la neodiciottenne Leni Klum. La figlia, mai riconosciuta da parte di Briatore, avuta dalla relazione con la top model Heidi Klum.

E non solo bellissima, ma forte e indipendente, entusiasta della vita, anche se io non ho nessun merito in questo e ringrazio Heidi per come la ha cresciuta. Il problema nella nostra frequentazione sono le distanze, perché vive a Los Angeles. Il padre vero che la ha allevata è stato Seal e io con lui ho un buon rapporto.

Il figlio Nathan Falco confessa a Flavio Briatore: “io già lo sapevo”

Durante un’intervista a Repubblica, Briatore aveva raccontato del tentativo di avvicinamento orchestrato già lo scorso anno, per far conoscere i due ragazzi, complici anche le vacanze estive a Capri.

Con Leni ci siamo visti anche questa estate a Capri, c’erano Elisabetta, Falco, la mamma Heidi suo marito (il musicista Tom Kaulitz) i loro figli. Io con Heidi mi sento. E Falco è contento di avere una sorella. Glielo abbiamo detto che era grande, un paio di anni fa, e lui mi a detto “papà io già lo sapevo”.

Già perchè in tutta questa querelle, il passo più maturo l’hanno fatto proprio i due fratelli. Spiazzando gli adulti e soprattutto facendo capire che il sangue non è una questione di pezzi di carta, avevano iniziato a seguirsi su Instagram e a scriversi.

Mi ha detto che lo sapeva già. Ormai fin da giovanissimi vanno su Google e scoprono tutto. Ma non me ne aveva mai parlato, probabilmente per pudore. Aspettava che lo facessi io, ma loro si seguivano su Instagram: avevano fatto tutto prima e meglio di noi adulti.