X Factor 2018, Morgan: “Non mi sono proposto per subentrare ad Asia nel ruolo del giurato. Non mi sento a mio agio in quel contesto”

X Factor 2018, Morgan: “Non mi sono proposto per subentrare ad Asia nel ruolo del giurato. Non mi sento a mio agio in quel contesto”

Il frontman dei Bluvertigo smentisce la sua partecipazione al programma.


Manca davvero poco all’inizio della dodicesima edizione di X Factor e le voci riguardo a un possibile sostituto per Asia Argento si fanno sempre più insistenti. Tra i tanti nomi circolati negli ultimi giorni c’è stato anche quello di Morgan, ex giudice del talent show di Sky Uno ed ex marito dell’attrice.

xfactor_morgan_sostituto_asia

A seguito dello scandalo che ha visto protagonista Asia, Sky ha deciso di rompere la collaborazione con la donna. In molti hanno iniziato a pensare a un ipotetico ritorno di Morgan. Il cantante però, dopo aver letto la notizia, ha deciso di intervenire per chiarire meglio la situazione: Mi sono stupito nel leggere una notizia che mi riguarda, ma che non risponde al vero. E questa è una cosa che ogni tanto mi succede, allora sono costretto a fare “comunicati” che riportino la realtà. Ne farei volentieri a meno ma penso che tutti si arrabbino quando la gente parla di loro in modo sbagliato e perciò dico: no, non mi sono proposto ad X Factor per subentrare ad Asia nel ruolo del giurato. Non mi sento proprio a mio agio in quel contesto, anzi lo contesto, ‘sto contest!’ La mia verità è che non mi ha fatto bene l’averlo fatto, non ha fatto bene alla mia persona, ma la musica, che era ed è il vero patrimonio, è rimasta integra, mi sono dovuto impegnare ma l’ho salvata”.

Morgan ha poi continuato parlando del caso che ha coinvolto l’Argento: “In merito alla vicenda di Asia e X Factor Sky dico solo che io non ho proposto la mia persona. Penso piuttosto che sia stato scritto sui giornali perché forse qualcuno, a differenza mia, amerebbe rivedermi in quei panni. E se così fosse, parlerò con chi me lo proporrà, ma va detto e ribadito che io non ho chiesto nulla a nessuno e non intendo farlo. Tra l’altro non so nulla della situazione di Asia, a cui avevo fatto i miei migliori auguri. L’unico dato certo è che sul suo allontanamento non ci siano altro che dicerie alle quali io non presto orecchio. Quindi lungi da me è l’idea di compiere una mossa infelice come quella che mi viene attribuita dagli articoli di stamani. Anche a Sky faccio gli auguri affinché, se mai fosse vero che stanno cercando un candidato giudice, possano trovarne uno perfetto”.





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto