Uomini e Donne, Ida Platano lo ammette solo ora: “Il mio sogno era…”

Uomini e Donne, Ida Platano lo ammette solo ora: “Il mio sogno era…”

In una recente intervista la dama di Uomini e Donne Ida Platano ha raccontato della sua vita e del suo passato difficile.


Ida Platano di recente ha rilasciato un’intervista a Verissimo dove ha parlato della sua vita e della sua storia con Riccardo Guarnieri, con cui ha chiuso in modo definitivo nelle ultime puntate di Uomini e Donne.


Leggi anche: Uomini e Donne, Ida Platano su Riccardo Guarnieri: “Ogni tanto mi sento inferiore”

Uomini e Donne, Ida Platano lo ammette solo ora…

Nel corso dell’intervista, Ida Platano ha dapprima parlato della sua infanzia e della sua famiglia:

Ho rapporti, anche se un po’ distaccati, con la mia famiglia d’origine in Sicilia. Sento spesso i miei fratelli. Ero una bimba che è cresciuta alla svelta, perché aveva tante responsabilità. Facevo da mammina, eravamo 7 fratelli. C’erano delle difficoltà. Sono andata presto a lavorare, a 13 anni. Il mio sogno era fare la parrucchiera o l’hostess. Ma non c’era la possibilità di fare l’hostess per i costi degli studi.


Potrebbe interessarti: Uomini e Donne, Marika Geraci accusa Ida Platano: “Tu mi hai infangata”

E poi è passata a raccontare del suo primo amore e del relativo matrimonio:

Sono stata poco bambina. A 17 anni mi sono innamorata. Non si poteva convivere, mio padre non era d’accordo. Mi sono sposata, sono stati 10 anni di matrimonio. Ero innamorata, però sono cresciuta insieme a lui. L’amore vero l’ho scoperto dopo. Sognavo dei figli, ma non sono mai arrivati. Tradimenti? Ci sono state delle piccole cose che mi hanno portato a decidere di chiudere questo matrimonio.

Infine, ha raccontato della sua gioia più grande che la vita le ha donato, il figlio Samuele:

Ho portato avanti la gravidanza da sola, però è stata la decisione più bella della mia vita. Dico sempre che è l’unica cosa giusta che ho fatto. Ho fatto degli errori, mi dedicavo tanto al mio lavoro, non do le colpe al mio ex se è andata così. Samuele non vede il papà. Questa cosa mi ha fatto stare male, ma lui non l’ha mai conosciuto. Oggi ha 11 anni.