Uomini e Donne, Giorgia Lucini: “Con Manfredi rapporto malato, io e Damante ancora insieme quando era tronista”

Uomini e Donne, Giorgia Lucini: “Con Manfredi rapporto malato, io e Damante ancora insieme quando era tronista”

Le scottanti rivelazione dell’ex tronista sulle sue relazioni con Manfredi Ferlicchia ed Andrea Damante


Con una lunga intervista rilasciata al magazine ufficiale di Uomini e Donne, l’ex tronista Giorgia Lucini torna a far parlare si sé. A partire dalla sua prima esperienza come corteggiatrice di Andrea Angelini, fino al suo trono vissuto da protagonista e alle avventure di Temptation Island, la ragazza ha raccontato tutti i retroscena inediti delle sue relazioni. Scopriamo cosa deciso di rivelare in merito alle sue note relazioni.

“Ero una ragazza atipica, diversa dalle troniste attuali. Loro sanno destreggiarsi bene, io venivo da un paesino e non avevo avuto molte esperienze con i ragazzi. Avevo un carattere forte e determinato, come quello che ho adesso, ma a 18 anni non avevo la maturità tale per capire come evitare di fare sciocchezze. […] Mi davano della finta e della bugiarda ma io ero rincoglionita davvero, stavo nel mio mondo fatto tutto rosa”

E Su Manfredi Ferlicchia, il corteggiatore da lei scelto, ci dice:

“Siamo stati innamoratissimi. Lui è stato il mio primo fidanzato, per me esisteva solo lui. Non capivo determinate cose, alcuni suoi atteggiamenti. Con il passare del tempo ho capito che il nostro era uno di quegli amori malati, ossessionati dalla gelosia.”

La rottura tra i due è arrivata quando l’ex corteggiatore ha insistito per partecipare a Temptation Island. La coppia infatti non ha lasciato indenne il reality:

“Io non volevo partecipare, mi ricordo che qualche giorno prima lo implorai di ripensarci. Sono una super gelosa, oggi ancora di più, e sapevo a cosa saremmo andati incontro. Lui ha insistito, mi ripeteva che sarebbe stata una bellissima esperienza. Io al solo pensiero di quelle tentatrici  che sicuramente avrebbero provocato Manfredi per creare scompiglio, mi sentivo male. Per me, a conti fatti, è stata un’esperienza pazzesca.”

Giorgia ha anche dichiarato di essersi amaramente pentita per il modo in cui ha reagito al termine del programma, quando Manfredi le comunicò di voler interrompere la loro relazione: “Oggi non lo rifarei, una donna non dovrebbe farsi trattare mai così da un uomo.” La Lucini in ogni caso non rimase single a lungo. Iniziò presto a frequentare Andrea Damante, conosciuto proprio a Temptation Island in veste di tentatore:

“A Temptation sono stata molto furba, tutti mi avevano sottovalutata. Pensavano potesse piacermi Nicolò Raniolo e invece guardavo con interesse Andrea, ma rimanendo sempre al mio posto, perché sono stata sempre una ragazza fedele. Una volta single, abbiamo cominciato a sentirci e da lì ci siamo fidanzati. Il nostro rapporto è durato un anno e in quel periodo Andrea è sempre stato rispettoso, dolce e attento. I problemi sono arrivati dopo” prosegue la ragazza. “Non è stato molto carino. Io me lo sono ritrovato sul trono senza sapere nulla. La nostra storia non era ancora finita definitivamente, noi continuavamo a sentirci. Una caduta di stile che non mi sarei mai aspettata. E che ha ferito molto anche i miei genitori. A mio padre aveva detto che quella era solo una pausa e che saremmo tornati insieme, il giorno dopo accendiamo la tv e ce lo ritroviamo sulla sedia rossa Una botta. Io avrei apprezzato la verità, avrebbe conservato un buon ricordo di quello che c’era stato tra noi, invece una grande delusione.”

Comunque Giorgia ha finalmente trovato l’uomo giusto per lei. Federico Loschil suo attuale fidanzato, pare essere il suo grande amore e non escludiamo che presto i due innamorati convolino a nozze…

“E’ stato grazie a un suo amico e all’utilizzo di una app che proprio non mi convinceva. Federico ha iniziato a seguirmi e a tempestarmi di messaggi e complimenti. Voleva incontrarmi a tutti i costi, diceva che ero la ragazza dei suoi sogni, ma io lo snobbavo. Quando io ero a Milano, lui era a Treviso e quando io ero a Treviso, lui era a Milano, è stata un’odissea. Dopo un po’ di tempo siamo riusciti a vederci perché lui mi ha raggiunto a una serata in discoteca, al termine di una sua partita di basket.” Alla fatidica domanda risponde: “Sposarlo? Sì, io aspetto lui, speriamo si muova. Mi dice sempre che se per tre mesi riesco a rompere meno le scatole con i miei capricci,  scatta la proposta.”





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto