Tributo a Missoni: l’inconfondibile Zig zag

Tributo a Missoni: l’inconfondibile Zig zag

Addio al grande Ottavio detto “Tai”


Missoni è la casa di moda fondata nel 1953 da Ottavio Missoni e dalla moglie Rosita Jelmini quando aprirono un piccolo laboratorio di maglieria a Gallarate per la realizzazione di capi in lana.

 

Ottavio Missoni, soprannominato “Tai” fu un grande sportivo infatti partecipò alle Olimpiadi di Londra nel  1948 dove inventò per l’occasione La tuta “Venjulia“, che fu adottata dal team italiano durante i giochi olimpici.

 

Nel 1958 fu presentata a Milano la prima collezione dello stilista a Milano e da lì in poi il marchio divenne conosciuto in tutto il mondo portando una serie di successi che resero orgoglioso Missoni del suo lavoro.

Lo ZigZag è il tema inconfondibile dei tessuti creati dalla maison, ed  è stato un grande contributo al Made in Italy. Lo stilista se ne va nell’anno in cui il marchio Missoni celebra il suo 60esimo anniversario.

 

Ottavio diceva sempre: “La storia si scrive in brutta copia non è possibile né correggerla, né rifarla in bella”, usando le parole del poeta argentino Sabato.

Missoni la storia l’ha scritta e l’ha colorata con i suoi tessuti di lana e cotone creando trame a zig zag partendo da un piccolo scantinato di una villetta fino a diventare un grande impero che tutto il mondo, star comprese indossano con grande onore.

 

Lo zigzagging diventa una filosofia di vita che apre la mente con un pattern iconico e simbolo anticonformista della creatività di Missoni.

 

Ecco il video della campagna pubblicitaria per il 60esimo

 

 





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto