Tasto non mi piace, Facebook al lavoro

Tasto non mi piace, Facebook al lavoro

Il social network in procinto di aggiungere una funzione a lungo chiacchierata


Sarebbe questione di tempo prima di vedere apparire su Facebook un nuovo tasto, il tanto desiderato (almeno da alcuni utenti) tasto “non mi piace”. La novità permetterebbe di aiutare “graph search” per una migliore definizione dei profili a scopi pubblicitari, ma già sorgono le prime preoccupazioni.

Molti utenti in passato avevano cercato di implementare la funzione nel sito tramite appositi plug in di terze parti, ma ora l’aggiunta avrebbe i crismi dell’ufficialità. A giovarne sarebbe la definizione più precisa delle inclinazioni e delle idee degli utenti, che permetterebbero una immissione pubblicitaria più mirata per ogni profilo. Funzioni analoghe sono già disponibili su altre piattaforme, su tutte Youtube, che permette un sistema di voti ai video sia positivi che negativi.

La novità però preoccupa il sociologo Enrico Finzi, il quale ritiene che la novità potrebbe portare a conseguenze negative, specialmente per i giovani. Finzi infatti teme che il “non mi piace” possa essere strumento di atti di “cyberbullismo” o dar vita, nei casi più gravi, a vere e proprie guerre di opinione o campagne d’odio mirate.

L’introduzione del tasto “non mi piace” sarebbe però certamente un evento di rilievo all’interno della storia del social network blu, forse superiore anche all’introduzione, poche settimane fa, degli hashtag o della nuova funzione video per Instagram. (f.a.)





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto