Sempre più italiani minacciati dai reati online

Sempre più italiani minacciati dai reati online

Innalzamento dei pericoli provenienti dai social network


Emerge dal Security Summit di Roma, convention dedicata alla sicurezza informatica, un quadro allarmante relativo alla sicurezza online secondo il quale circa il 40% degli utenti internet italiani avrebbe subito almeno una volta una minaccia da parte dei criminali informatici.

I pericoli maggiori dal web arrivano nella forma di tentativi di furti da conti correnti, appropriazione di dati sensibili, anche a scopo di ricatto. Nonostante questo dato possa destare allarme, la situazione non sembra essere percepita come un reale pericolo dalle aziende: una su cinque negli ultimi dodici mesi ha decurtato il budget destinato alla difesa informatica.

Gli attacchi agli utenti privati vengono sempre più spesso veicolati tramite i social network, Facebook e Twitter in particolare. Uno studio condotto da McAfee Labs, società specializzata nella sicurezza dei sistemi informatici, riguardante l’inizio del 2013 segnala si sia registrata una nuova ondata di attacchi virali via Facebook e di come anche il volume di e-mail indesiderate, lo spam, sia considerevolmente aumentato.

McAfee in particolare mette in guardia dal cosiddetto virus ”Koobface” il quale, scoperto su Facebook nel 2008, si è dimostrato in grado di appropriarsi dei dati personali degli utenti del social network blu, sfruttando una falla nel sistema di messaggistica interno. (r.d.)





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto