Sara Tommasi porno: gli alieni le inseriscono un chip nel cervello

Sara Tommasi porno: gli alieni le inseriscono un chip nel cervello

Lei il porno in fondo non voleva fare, la colpa è stata tutta degli alieni e noi ricordiamo con gioia una puntata dei Simpson e ridiamo, ridiamo, ridiamo


Quello che Sara Tommasi regala agli italiani e uno spettacolo di inedito cabaret ogni volta. Lei non la vede da questo punto di vista, eppure ogni volta che ultimamente dà voce ai suoi pensieri, tutti cominciano a ridere sguaiatamente e di gusto. Stavolta non abbiamo resistito. Stavolta anche noi ce la siamo spassata perché la storia che stiamo per raccontarvi ha dell’incredibile, la storia che stiamo per raccontarvi è davvero buffa.

Sara Tommasi ci ha fatto spaventare, lo ammettiamo, quando abbiamo letto della sua scomparsa e della sua possibile morte non l’abbiamo presa bene. Un personaggio come lei fa bene all’Italia: tiene viva l’attenzione, ci fa conoscere gossip impossibili anche solo da concepire e soprattutto, non ci stancheremo mai di dirlo, combatte il signoraggio bancario completamente nuda. E poi, diciamocela tutta, Sara Tommasi è solo e soltanto una donna ferita dalle pene d’amore, da una storia finita. Sara Tommasi senza Alfonso Luigi Marra al suo fianco si è lasciata andare, e allora ben venga un film porno se questo potesse davvero aiutarla.

Ben venga un film porno ok, ma gli alieni no. Gli alieni proprio no. E sì, perché Sara Tommasa in un’intervista al Resto del Carlino ha raccontato che lei al porno non ci pensava poi molto, ma gli alieni si sono serviti di lei per diffondere un messaggio d’amore al mondo.

“Alcuni giorni prima di entrare in questo ambiente ho avuto un contatto con entità aliene che mi hanno impiantato un microchip nel cervello con lo scopo di diffondere l’amore nel mondo. Due di loro sono stati sempre presenti di nascosto sul set”

E come se non bastasse, ad avvalorare questa tesi ci si mette anche il regista del famoso film porno in questione:

“In fase di montaggio mi sono accorto che nella scena girata nel bosco, in un frame, facendo molta attenzione, si nota apparire una figura scura che poi sparisce immediatamente dallo sfondo. Ricordo bene anche l’arrivo di un uomo vestito di nero all’inizio delle riprese, che affermava di essere il fotografo di scena, che poi però non ho più visto nel giro di pochi minuti. Ho incontrato Sara alcune settimane fa a Milano, tramite Federico De Vincenzo il produttore del video, e titolare di un agenzia di spettacolo che l’aveva contattata per alcune serate in discoteca. Le sue parole sul microchip mi hanno sorpreso, ma non gli ho dato importanza più di tanto. Senonché, il giorno prima delle riprese, Sara mi ha telefonato alle cinque del mattino, e mi ha raccontato di aver avuto di nuovo la visita, nel cuore della notte, di queste entità aliene che le hanno comandato di effettuare le riprese entro il giorno seguente, cosìcchè siamo stati costretti a girare il film tutto di corsa”

Insomma, a noi sembra una puntata di X Files mal riuscita, anzi, se proprio dobbiamo dirla tutta, ci sembra una scena dei Simpson, ve la ricordate?

 

 





COMMENTI

    Lascia una risposta


    Vedi tutto