Pitti Uomo 2014, a Firenze tra musica e moda

Pitti Uomo 2014, a Firenze tra musica e moda

Rock me Pitti è l’85esima edizione


Fino al 10 gennaio a Firenze va in scena il Pitti Uomo Immagine, la manifestazione dedicata alla moda maschile, che giunge all’85esima edizione.
La città toscana inizia il 2014 all’insegna dello stile lanciando le tendenze per il nuovo anno.
Rock me Pitti fa da colonna sonora all’evento che riunisce trend setter, blogger, addetti ai lavori ed esperti di moda provenienti da tutto il mondo che si alternano sul palco fiorentino con i loro look stravaganti. L’iniziativa mixa musica e moda e trasforma la Fortezza da Basso nel quartier generale di Pitti, diventando un live set con performance musicali degne di nota durante tutta la giornata.

Classica, swing, jazz, pop, rock, elettronica, house, insomma, ogni genere di musica delizierà le orecchie di chi partecipa alla manifestazione dove sono attese circa 30 mila persone. Numerosi gli ospiti che interverranno alla kermesse più prestigiosa, dedicata alla moda maschile, tra cui: gli chef Bruno Barbieri e Carlo Cracco, musicisti come Morgan che è testimonial di Massimo Rebecchi, Vittorio Sgarbi da Cruciani, Cristina Chiabotto per la presentazione delle nuove maglie del Giro d’Italia e molti altri ancora.

Agostino Poletto, vice-direttore del Pitti Immagine Uomo, ha dichiarato: “Durante i giorni della manifestazione, tutto il salone, dai padiglioni ai singoli stand fino al Piazzale Centrale della Fortezza da Basso, si animeranno di performance e installazioni, di immagini e oggetti di culto che al mondo della musica si riferiscono. E anche espositori e alternative set guarderanno a questo tema come elemento d’ispirazione per le loro presentazioni. All’insegna di un nuovo sound, declinato attraverso le mille anime della moda maschile internazionale a cui Pitti Uomo dà voce”.

“A mio giudizio abbiamo sprecato la crisi, ora non dobbiamo sprecare la ripresa”, ha detto il segretario Pd e sindaco di Firenze Matteo Renzi. “Se si parte dal gestire bene il bene pubblico le cose si possono fare – ha aggiunto – non c’é la maledizione della bella addormentata nel bosco, dobbiamo smettere di cullarci nella lamentazione”.

Tutto questo è Pitti Uomo, che non smetterà mai di stupire e soddisfare il gusto di un pubblico ricercato e prestigioso, che prenderà spunto per i nuovi trend dell’anno che è appena iniziato. (s.z.)





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto