Paul Walker, addio alla star di Fast and Furious

Paul Walker, addio alla star di Fast and Furious

«Se un giorno la velocità mi ucciderà non piangete. Io in quel momento sorridevo»


Paul Walker, la star di Fast and Furious, è morta in un terribile incidente stradale che ha avuto luogo a Los Angeles. Lo ha reso pubblico il suo staff su Facebook scrivendo: «È con il cuore davvero a pezzi che dobbiamo confermare che Paul Walker è morto in un tragico incidente d’auto. Era in una vettura guidata da un amico ed entrambi hanno perso la vita».

Paul ha conosciuto la fama e la notorietà grazie al ruolo di Brian ƠConner, agente infiltrato nel mondo delle corse automobilistiche clandestine, nella saga Fast and Furious.
Ha interpretato 5 film, dei sei, della serie che ha fatto appassionare milioni persone alle vicende della banda che utilizzava macchine di grossa cilindrata per mettere a segno dei colpi. Vin Diesel e Michelle Rodriguez sono stati i suoi compagni in questa avventura che lo ha fatto avvicinare al mondo della velocità, che è diventata la sua più grande passione.

Il terribile incidente del quale è stato vittima è stato causa dall’elevata velocità del veicolo dove era a bordo; un suo amico era alla guida, ed entrambi hanno perso la vita.
Un terribile schianto contro un albero, che non ha lasciato speranza all’attore; la Posche ha subito preso fuoco e i soccorsi non hanno potuto fare niente.
Paul lascia la compagna Jasmine Pilchars-Gosnell, con la quale era legato dal 2005 e la figlia Meadow Rain, di 15 anni, avuta da una precedente relazione.

paul walker

La Universal ha commentato la tragedia dicendo: “Tutti qui alla Universal abbiamo il cuore a pezzi. Paul è stato un membro amato e rispettato della nostra famiglia per 14 anni e la notizia della sua morte ha devastato sia noi che tutti coloro che hanno lavorato alla serie di Fast and Furious, così come ha lasciato esterrefatti migliaia di fan. Esprimiamo le nostre condoglianze più sentite alla famiglia di Paul”.

La velocità era la sua passione e chiedeva sempre, sul set, di poter girare le scene pericolose perché ce l’aveva nel sangue. La maggior parte delle volte però dovevano essere le controfigure a girare le scene rischiose però, nella vita reale non ci sono controfigure. Capita di morire a 40 anni anche se si è vitali, energici ed allegri; ed è questo quello che è successo a Paul Walker che lascia un vuoto nel mondo del cinema con i suoi ruoli spericolati, un sorriso smagliante e la sua forte personalità. (s.z.)

 

 





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto