Marco Carta dice addio al suo fidanzato: “Questa canzone parla di te”

Marco Carta dice addio al suo fidanzato: “Questa canzone parla di te”

Era il 2018 quando Marco Carta faceva coming out a Domenica Live affermando di essere impegnato da molti anni con Sirio Campedelli. Nonostante la discrezione della coppia, negli ultimi giorni c’erano stati segnali di maretta tra i due fino ad arrivare ad oggi dove Carta saluta per sempre il suo compagno.


Il 17 giugno è prevista l’uscita del nuovo brano a firma Marco Carta: Sesso romantico. Un titolo che è di per sè un ossimoro e che riporta in attività la carriera del cantante, fermatasi nel 2019 anche a causa della pandemia.


Leggi anche: Gf Vip 4: la replica di Marco Carta ad Alfonso Signorini

La scelta del titolo del brano è spiegata in un post dallo stesso Marco:

#SESSOROMANTICO un brano per me importante che arriva in un momento particolare della mia vita. Sesso e amore, così vicini ma allo stesso tempo così scissi. Una lotta tra cuore e carne. Presto racconterò il sesso romantico.

Da queste parole traspare un evidente richiamo anche alla sua sfera sentimentale. Infatti Carta è legato da 7 anni a Sirio Campedelli, sales associate di marchi d’alta moda. Neppure un anno fa Marco, pazzo d’amore, sottolineava come non vedesse l’ora di sposarsi una volta liberi dal Covid e perchè no, avere un figlio da una madre surrogata.

Ma qualcosa è andato storto. Dall’oggi al domani Carta non segue più Sirio sui social e le voci di un suo presunto tradimento incrinano la stabilità della coppia. Fino all’epilogo definitivo odierno.

La stories d’addio di Marco Carta a Sirio: “Ci sarà sempre del bene nel mio cuore”

Nelle ultime ore, Marco ha postato nelle stories di Instagram un lungo post di addio a Sirio così da non avere ulteriori domande scomode sull’argomento essendo previsto un Q&A con i fan nella sera di domenica.

Questa canzone parla di me, parla di te, parla di tutti noi. Parla degli amori nati, finiti, sbocciati e appassiti. L’amore è sempre stata un’incredibile tempesta, un’incredibile avventura dal quale non sempre ne sono uscito al plurale. Ne approfitto per dirvi che, anche se dopo 7 anni anni ci siamo lasciati (ormai da diversi mesi), ci sarà sempre del bene nel mio cuore. Sempre. La musica, la mia compagna di vita, mi ha dato la forza di analizzarmi, capirmi e ispirarmi ancora. Non tornerò sull’argomento. Che si parli di musica.